cerca CERCA
Mercoledì 01 Dicembre 2021
Aggiornato: 01:04
Temi caldi

Patto Aukus, Darnis: "Usa hanno tradito fiducia della Francia, ma non solo"

20 settembre 2021 | 14.01
LETTURA: 3 minuti

Il professore di relazioni franco-italiane all'Università di Nizza e consigliere scientifico dello Iai: "Gli Stati Uniti non hanno pensato alle conseguenze, Europa e Nato marginali"

alternate text
Jean Pierre Darnis

Gli Stati Uniti "hanno tradito la fiducia" della Francia e non solo, "non hanno pensato alle conseguenze e se non pensi alle conseguenze significa che consideri Francia, Europa e Nato marginali". Come già di fatto avevano dimostrato con il ritiro frettoloso dall'Afghanistan. Jean Pierre Darnis, professore di relazioni franco-italiane all'Università di Nizza e consigliere scientifico dello Iai, si fa portavoce del sentimento di "delusione, sorpresa, violento dispiacere" provato dai francesi dinanzi "al tradimento, in particolare degli americani, ed alla mancanza di considerazione nei confronti di Parigi ma che in modo indiretto riguarda tutti gli europei e la Nato" dopo il Patto Aukus sulla difesa tra Stati Uniti, Australia e Regno Unito.

"I francesi si sentono smarriti - dice in un'intervista all'Adnkronos - non se l'aspettavano. C'erano stati deboli segnali australiani di insoddisfazione sui contratti per l'acquisto di 12 sottomarini convenzionali, ma in Francia sembravano abbastanza normali nell'ambito dell'esecuzione di un contratto complicato. E ancora a fine agosto i ministri degli Esteri di Parigi e Canberra avevano diffuso una dichiarazione congiunta in cui parlavano della cooperazione sui sottomarini". Che adesso saranno costruiti dagli americani e saranno a propulsione nucleare per reagire meglio alla minaccia cinese.

'alleanza militare tra stati uniti e francia era molto stretta e profonda'

Quello che fa più male, sottolinea l'esperto francese, "non è però tanto la rottura del contratto, né che gli australiani, che pure consideravano leali, possano cambiare paradigma strategico, né l'atteggiamento degli inglese, dai quali si poteva anche aspettarselo". Quello che fa più male, secondo Darnis, "è che gli americani non abbiano neanche provato a cercare una soluzione dialogante, di compromesso con i francesi, che sono stati messi davanti al fatto compiuto". E questo "è molto grave, perché l'alleanza militare tra Francia e Stati Uniti è profonda e molto forte, in Africa per esempio la cooperazione nella lotta al terrorismo è molto stretta, con Biden sono stati avviati negoziati su molte cose, tra cui sul digitale, e anche in chiave strategica anticinese".

Gli Stati Uniti, come avvenuto il mese scorso con il ritiro dall'Afghanistan, che per esempio "in Italia e in Germania è stato molto sentito", hanno dimostrato di non avere interesse per le conseguenze, denuncia Darnis: "Se ne sono fregati, perché la Francia è marginale ma anche tutta l'Europa e in definitiva la Nato".

'possibile rilancio dibattito difesa europea, ma per molti è problema franco-francese'

Ma adesso Parigi cosa può fare? "Bloccare i negoziati per l'accordo di libero scambio tra la Ue e l'Australia, non andare ai vertici dell'Alleanza", di cui Macron aveva già dichiarato la 'morte cerebrale'?. "Sono estremi in cui tutti perdono", sostiene l'esperto francese, convinto che quanto accaduto non avrà un impatto sulla campagna elettorale in corso in Francia per le presidenziali.

E Darnis ritiene infine che il Patto Aukus potrebbe rivitalizzare il dibattito sulla difesa comune europea, per quanto "in concreto si faccia fatica a pensare a delle forze europee integrate, che per esempio in Africa si muovono in modo completamente libero dai vincoli nazionali sull'uso della forza". Francia, Italia e Germania potrebbero accelerare, unite dalla sfiducia negli americani, anche se alcuni Paesi europei ritengono che quello del Patto Aukus sia "un problema franco-francese", chiosa il professore dell'università di Nizza.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza