cerca CERCA
Martedì 07 Febbraio 2023
Aggiornato: 18:18
Temi caldi

Pd, è scontro sulle candidature

26 gennaio 2018 | 12.37
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Fotogramma

Tensione nel Pd tra il segretario Matteo Renzi e la minoranza sulle liste elettorali in vista del voto del 4 marzo nel giorno della Direzione, slittata alle 22.30. Non è servito a sciogliere i nodi, in particolare proprio quello dello spazio in lista per le minoranze interne, l’incontro tra Matteo Renzi e Andrea Orlando. "Renzi ci ha provocato", fanno sapere dall’area del ministro della Giustizia.

Il segretario avrebbe offerto a Orlando 21 posti: "Ma i nomi li scelgo io", sarebbe stato il senso del discorso di Renzi. Fuori, quindi, l'ex ministro Cesare Damiano, il coordinatore Dems Andrea Martella, il capo dei Retedem Sergio Lo Giudice, il leader dei Socialdem Marco Di Lello: in pratica tutti i colonnelli orlandiani.

"Vogliono depotenziare la corrente in vista di un possibile showdown il 5 marzo", sottolineano gli orlandiani. Orlando, diviso tra la spinta dei "salvi" e la lealtà verso chi lo ha sostenuto (LaburDem, Retedem e Socialdem sono le associazioni fondatrici della corrente) ha convocato per le 13 i suoi membri della Direzione per decidere ma appare molto probabile un voto contrario in Direzione. Finanche il giovane portavoce di Orlando, Marco Sarracino, sarebbe tra gli esclusi.

Ma anche sui renziani calerà di certo la scure, come dimostra il caso Goram Gutgeld, il padre degli 80 euro e consigliere economico di palazzo Chigi che non sarà ricandidato. Al Nazareno bisogna fare i conti con la realtà: lo schema su cui li lavora è quello di circa 200 parlamentari eletti nella prossima legislatura a fronte degli oltre 370 attuali. Un taglio notevole, cui va aggiunto anche il problema dello spazio da trovare ai nomi della società civile che saranno il lista, i posti da riservare agli alleati, i Big (da Fassino ai ministri Martina e Delrio) da portare in Parlamento. "Un sacrificio sarà chiesto a tutti", spiegano dal Nazareno.

Alla sede del Pd da stamattina è un via vai di volti noti, dirigenti, parlamentari, aspiranti candidati. A sorpresa è arrivata oggi anche la mossa di Roberto Giachetti che ha annunciato: "Rinuncio al plurinominale. Rinuncio al paracadute". "Lo so: a guardare i risultati delle precedenti elezioni - scrive in una lettera a Renzi - non ho molte chances. Il collegio 10 è di quelli persi. Ma io ci credo. Io amo la politica. E’ la mia vita”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza