cerca CERCA
Martedì 16 Agosto 2022
Aggiornato: 06:53
Temi caldi

Pd, Letta si tiene fuori da caos M5S. In segreteria conferma: "orizzonte è campo largo"

10 febbraio 2022 | 19.29
LETTURA: 3 minuti

Giorgio Gori: "I dem guardino al centro". Plaude Calenda. La capogruppo Malpezzi: "Ci rivolgiamo a tutte le forze alternative alla destra"

alternate text

La linea del Nazareno resta quella della 'non ingerenza' rispetto alle vicende di altri partiti, a partire dal caos che sta squassando i 5 Stelle. Tuttavia tra i dem inizia ad aprirsi il dibattito sul fronte alleanze. Lo fa il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, che invita il Pd a "guardare al centro" cercando di "coinvolgere anche i riformisti di centrodestra, quindi Forza Italia" vista "l'estrema fragilità" del M5S con cui "è utile che il dialogo continui, ma è evidente che questo schema non può bastare". E Gori si spinge ancora oltre immaginando una maggioranza Ursula con Mario Draghi a palazzo Chigi dopo le politiche 2023.

Dal Nazareno si fa sapere che il nodo alleanze, e in particolare il caso M5S, non è stato oggi sul tavolo della segretaria - riunita da Letta - che è stata tutta incentrata sul caro bollette e i rischi per la ripresa. Il tema sarebbe stato appena sfiorato in apertura di riunione. Con un ragionamento più generale sulla frammentazione degli altri partiti, "sui quali non è opportuno entrare", di fronte al quale il "compito del Pd è rafforzare il proprio profilo identitario e anche l'orizzante di un campo progressista" in cui vengono annoverati anche i 5 Stelle.

E non solo. Lo spiega la capogruppo al Senato, Simona Malpezzi. "Noi siamo per il rafforzamento del campo largo: ci rivolgiamo a tutte le forze - anche a quelle al centro - che si riconoscono in un campo valoriale e politico alternativo a quello della destra perché riteniamo che gli avversari siano dall'altra parte".

Calenda a Gori, 'coalizione riformisti? lo sosteniamo da tempo'

Malpezzi si riferisce a quel campo di forze che hanno lavorato insieme durante l'elezione del Colle: "Ricordo che le forze che potrebbero costituire questo campo -aggiunge Malpezzi- hanno lavorato molto bene insieme durante l'elezione del Presidente della Repubblica, mantenendo un fronte saldo e compatto". Anche Italia Viva è stata tra questi e pure Forza Italia nella fase finale. E' stato lo stesso Letta a riferire come la "svolta notturna" nelle interlocuzioni con gli azzurri (il giorno precedente alla elezione di Sergio Mattarella) sia stata determinante per sbloccare la situazione.

Intanto, l'uscita di Gori raccoglie favorevoli e contrari, dentro e fuori il Pd. C'è il senatore Andrea Marcucci: "Condivido l'analisi del sindaco di Bergamo, Giorgio Gori. Il Pd deve puntare ad un'alleanza europeista e ambientalista con i riformisti aperta a Forza Italia. In questa prospettiva, dopo il '23, il miglior presidente del consiglio sarebbe Mario Draghi, per completare il suo lavoro". E poi Carlo Calenda che sulla 'coalizione dei riformisti dice: "Lo sosteniamo da tempo. Ma ciò si determinerà solo se le forze riformiste avranno il coraggio di andarsi a riprendere il consenso sul territorio. La scelta di andare avanti con questa linea di governo deve essere fatta dai cittadini, abbandonando populismi e sovranismi".

Mentre da sinistra, Nico Stumpo di Articolo Uno parla di un "campo largo che tenga dentro anche altre soggettività che al momento non sono al governo, come Verdi o Sinistra Italiana con i quali Enrico Letta dialoga. Ma non escludo anche altre forze geometricamente dette centriste, che dentro una coalizione hanno la necessità di trovare un luogo di costruzione comune".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza