cerca CERCA
Venerdì 18 Giugno 2021
Aggiornato: 15:59
Temi caldi

Pedofilia, Vaticano contrattacca alle accuse dell'Onu: "Nel documento limiti gravi"

07 febbraio 2014 | 13.31
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Le raccomandazioni contenute nel documento dell'Onu sullo scandalo della pedofilia "appaiono presentare, a giudizio di chi ha ben seguito il processo che le ha precedute, limiti gravi. Non hanno tenuto conto adeguato delle risposte, sia scritte, sia orali, date dai rappresentanti della Santa Sede. Chi ha letto e ascoltato queste risposte non ne trova riflessi proporzionati nel documento del Comitato, tanto da far pensare che esso fosse praticamente già scritto o perlomeno nettamente impostato prima dell'audizione". Lo ha evidenziato padre Federico Lombardi, portavoce vaticano, in un intervento alla Radio Vaticana.

In particolare, a detta di Lombardi, "sembra grave la non comprensione della natura specifica della Santa Sede. E' vero che si tratta di una realtà diversa dagli altri Stati e questo rende meno facile comprenderne ruolo e responsabilità. Ma ciò è stato spiegato molte volte dettagliatamente nei vent'anni e più di adesione alla Convenzione e in particolare nelle recenti risposte scritte. Non si è capaci di capire o non si vuole capire? In ambedue i casi si ha diritto a stupirsi".

Dice padre Lombardi che "non è il caso di parlare di scontro fra l'Onu e il Vaticano. Le Nazioni Unite sono una realtà molto importante per l'umanità di oggi. La Santa Sede ha sempre dato un forte supporto morale all'Organizzazione delle Nazioni Unite come luogo d'incontro fra tutte le nazioni, per favorire la pace nel mondo e la crescita della comunità dei popoli nell'armonia e nel reciproco rispetto e vicendevole arricchimento. Ne sono testimonianza innumerevoli documenti e interventi della Santa Sede ai suoi livelli più alti e la partecipazione intensa dei suoi Rappresentanti nell'attività di molti organismi dell'Onu.

Del resto, aggiunge ancora il portavoce vaticano, "i responsabili più alti dell'Onu sono stati sempre consapevoli dell'importanza del sostegno dell'autorità morale e religiosa della Santa Sede per la crescita della comunità dei popoli, perciò hanno invitato i Papi a visitare l'Organizzazione e a dirigere la loro parola all'Assemblea generale. Cosa che, sulle orme di Paolo VI, hanno fatto Giovanni Paolo II (ben due volte) e Benedetto XVI. Insomma, le Nazioni Unite, nelle loro più alte istanze, apprezzano e desiderano il sostegno della Santa Sede e il dialogo positivo con essa. E altrettanto desidera la Santa Sede, per il bene della famiglia umana. Questa è la prospettiva in cui occorre porsi".

La Santa Sede, conclude Lombardi, "come ha detto mons. Parolin continuerà ad impegnarsi per attuare la Convenzione e per mantenere un dialogo aperto, costruttivo e impegnato con gli organi in essa previsti. Prenderà le sue ulteriori posizioni e ne darà conto, e così via, senza pretendere di sottrarsi a un dialogo autentico, alle procedure previste, con apertura alle critiche giustificate, ma lo farà con coraggio e decisione, senza timidezza".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza