cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 11:13
Temi caldi

Calcio: Pellè, dobbiamo migliorare ma Italia non è inferiore a nessuno

15 novembre 2015 | 15.53
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Graziano Pellè (Infophoto) - INFOPHOTO

"Da qui all'Europeo dobbiamo migliorare, ma per quanto mi riguarda non siamo inferiori a nessuno". Graziano Pellè non ha perso la fiducia nella forza dell'Italia dopo il k.o. subìto nell'amichevole contro il Belgio. "Sappiamo che possiamo migliorare su certi aspetti, ma siamo qui per questo -dice l'attaccante del Southampton in conferenza dal ritiro degli azzurri a Coverciano-. Mancano ancora mesi agli Europei, il Belgio è una grande squadra come ce ne sono tante altre. Ma non penso che l'Italia sia da meno, anzi. In un grande torneo non ci sono squadre facili da battere, sarà un Europeo difficile ma noi dobbiamo essere consapevoli delle nostre doti e cercare di metterle in risalto".

"Io -aggiunge- sono fatto come la maggior parte degli italiani. Siamo molto orgogliosi ed è difficile dire che una squadra è più forte di noi se non dopo aver perso. Il Belgio ha dimostrato con i fatti di aver vinto la partita, ma questi per noi sono test importanti che ci faranno migliorare in vista dell'Europeo. Sono fiducioso come lo è tutta la squadra".

Secondo Pellè, misurarsi contro grandi squadre prima della rassegna continentale è positivo: "Non si può più tornare indietro, sono scelte che ha fatto il mister e io sono contento di affrontare queste squadre. E' meglio capire da subito gli errori che si fanno. E poi questo dimostra anche l'ambizione della nazionale di voler affrontare le favorite dell'Europeo per poi riaffrontarle e batterle lì".

In Nazionale, Pellè ha scalato le gerarchie di Conte: "Ma dire che sono un punto fermo -precisa- è un parolone. Io cercherò di fare il massimo fino agli Europei, come sempre. Sono sempre molto negativo con me stesso, ma se contro il Belgio avessi fatto subito gol il giorno dopo si sarebbe detto che Pellè lavora bene per la squadra e fa sempre gol. Ora invece si dice: Pellè lavora per la squadra spalle alla porta, deve fare di più. Questo spesso è il calcio, ma io voglio fare sempre gol. Ho fiducia in me stesso e sono sicuro che se dovessi avere due occasioni a partita un gol lo faccio, ma devono parlare i fatti".

L'attaccante parla anche del suo futuro e non nasconde di avere un po' di nostalgia dell'Italia: "Dopo l'Europeo sarò in scadenza, l'Italia è una bellissima nazione e quindi mi manca la sua bellezza. Il campionato italiano negli ultimi anni è stato snobbato all'estero, ma ora sta dimostrando la sua crescita e sono convinto che presto tornerà a essere tra i più belli al mondo. La nostalgia c'è sempre, ma io sto benissimo in Inghilterra. Poi, chi vivrà vedrà".

"Non mi piace lamentarmi e dire in che in Italia non capivano niente e e all'estero sono più bravi -sottolinea Pellè-. Fuori sono maturato, anche prima pensavo di essere un bravo giocatore ma lo dimostravo poco. Ora invece ho avuto la fortuna di tornare in Nazionale prendendola un po' alla larga. Poi io scherzo sempre sul fatto che se mi fossi chiamato 'Pellinho'...".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza