cerca CERCA
Giovedì 02 Febbraio 2023
Aggiornato: 22:08
Temi caldi

Pensionati in Italia 2022, Istat: uno in quasi una famiglia su due

07 dicembre 2022 | 14.24
LETTURA: 2 minuti

La fotografia della situazione italiana nell'ultimo rapporto dell'Istituto nazionale di statistica

alternate text
(Fotogramma)

In quasi una famiglia su due è presente almeno un pensionato. E' la stima contenuta nel rapporto dell'Istat, riferita al 2020. Nel 32,8% dei casi si tratta di un solo titolare di pensione e nel 13,1% di due e più. I pensionati vivono più frequentemente in coppia senza figli (37,2%) e da soli (27,7%). È, invece, più contenuta la percentuale di pensionati che vivono in coppia con figli (17,3%), in famiglie con singolo genitore (11,6%), oppure in altra tipologia (7,8%), cioè in famiglie di membri isolati o composte da più nuclei. Rispetto al resto del Paese, i pensionati del Nord vivono più spesso da soli (29,3%) o in coppia senza figli (40,8%), mentre i pensionati del Mezzogiorno risiedono con maggior frequenza in coppia con figli (21,7%); i pensionati del Centro, infine, si trovano più diffusamente in famiglie di altra tipologia (10,5%).

I titolari di pensioni di vecchiaia e anzianità vivono relativamente di più in coppie senza figli (45,9%), mentre i percettori di pensioni di reversibilità vivono prevalentemente da soli (60,1%) e in misura minore con i figli in qualità di unico genitore (26,4%), essendo rappresentati nella stragrande maggioranza dei casi da anziane vedove. Per le famiglie con almeno un titolare, i trasferimenti sociali in favore dei pensionati (da qui denominati semplicemente trasferimenti pensionistici) rappresentano, in media, il 64% del reddito familiare netto disponibile (al netto dei fitti imputati); la quota restante è costituita per il 27,8% da redditi da lavoro e per l’8,3% da altri redditi (primariamente affitti e rendite finanziarie).

Le pensioni di anzianità e vecchiaia, unitamente alle liquidazioni di fine rapporto per quiescenza, forniscono mediamente il 46,1% delle loro risorse economiche, i trattamenti di reversibilità l'8,7% e le restanti pensioni il 10,1%. Per oltre 7,1 milioni di famiglie (il 60% delle famiglie con pensionati) i trasferimenti pensionistici costituiscono più dei tre quarti del reddito familiare disponibile; nel 24,4% dei casi le stesse prestazioni sono l’unica fonte di reddito (quasi 2,9 milioni di famiglie), mentre per il 25,6% delle famiglie il loro peso non supera la metà delle entrate familiari. Se in famiglia vi sono solo pensionati, sale all'80,1% la percentuale di famiglie con trasferimenti pensionistici almeno pari a tre quarti del loro reddito complessivo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza