cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 17:41
Temi caldi

Pensioni, anticipo anche per dipendenti pubblici e autonomi

23 giugno 2016 | 19.39
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Incontro interlocutorio tra governo e sindacati sulle pensioni. Il nuovo round di oggi infatti ha perimetrato e approfondito tutti i temi sul tavolo, dall'Ape al pensionamento dei lavoratori precoci, da quello degli esodati alle ricongiunzioni onerose. Un confronto che andrà avanti: oltre agli appuntamenti del 28 e 30 giugno infatti ne saranno calendarizzati altri anche se al momento l'agenda è ancora da definire.

Pochi i dettagli emersi ma due puntualizzazioni importanti: che a poter anticipare il pensionamento con il meccanismo del prestito finanziario non saranno solo i lavoratori privati ma anche quelli pubblici e i lavoratori autonomi. Unico criterio di accesso quello di aver maturato i requisiti previsti per l'utilizzo del nuovo strumento: essere cioè a tre anni dalla pensione di vecchiaia.

Confermata anche l'attenzione del governo sugli sgravi fiscali "per alleggerire la rata del prestito pensionistico" e una platea di pensionandi che potrebbe avere una "forte agevolazione" sul premio assicurativo che scatta in caso di premorienza. Il confronto comunque va avanti a 360 gradi.

"Abbiamo avviato un buon metodo di lavoro e stiamo facendo passi avanti. Ci sono ovviamente posizioni convergenti e divergenti ma questo e' nella natura di ogni confronto. Andremo avanti con gli incontri", spiega il ministro del lavoro Giuliano Poletti al termine dell'incontro. "Abbiamo definito i perimetri e le problematicità dei temi sul tavolo e andremo avanti nel confronto", prosegue.

Parchi di dettagli anche i sindacati che non si sono neppure sbilanciati in giudizi sull'andamento del tavolo. "Stiamo maneggiando una cosa complicatissima su cui ci sono grandi aspettative e non vorremmo partecipare all'annuncio di soluzioni che ancora non ci sono", risponde il leader Cgil, Susanna Camusso. "Stiamo partecipando ad una discussione e tutto questo a suoi tempi", dice ancora mentre a chi insisteva nel chiederle particolari sull'anticipo pensionistico risponde: non siamo un ufficio mutui ci occupiamo di previdenza non di prestiti".

Il tavolo con il Governo, sintetizza il segretario confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, "continua con un dialogo positivo finalizzato a trovare soluzioni ai problemi strutturali presenti nella normativa previdenziale che creano forte disagio alle persone. Il lavoro va avanti a favore di quanti sono stati penalizzati dalla riforma Fornero".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza