cerca CERCA
Lunedì 29 Novembre 2021
Aggiornato: 06:57
Temi caldi

Pensioni, sindacati 'bocciano' Draghi: "Niente risposte su riforma"

26 ottobre 2021 | 21.25
LETTURA: 4 minuti

Clima teso nell'incontro tra il premier e i leader di Cgil, Cisl e Uil: "Valutiamo mobilitazione"

alternate text
Fotogramma

Pensioni e manovra 2022, clima teso al tavolo tra il premier Mario Draghi e i leader di Cgil, Cisl e Uil. La manovra, al centro del confronto, non raccoglie infatti il favore dei sindacati mentre sulle pensioni, come largamente atteso, il dialogo si è tradotto in una sorta di braccio di ferro. Al centro il no di Cgil Cisl e Uil ad un ritorno alla legge Fornero seppure dilazionata negli anni. "L'incontro non è andato bene. Ci sono alcune risposte parziali e positive sulla riforma degli ammortizzatori sociali, 3 mld secondo noi quelle risorse sono insufficienti. Sulla riforma fiscale ci sono 8 mld ma non c'è una scelta su dove allocare le risorse". Così il leader Uil, Pierpaolo Bombardieri al termine dell'incontro con il presidente del Consiglio. "Sulle pensioni non c'è neanche una scelta: né 102 né 104, c'è solo la scelta di stanziare 600 milioni per la proroga di Opzione Donna e l'Ape sociale. Né ci sono risposte a chi ha versato per 41 anni i contributi a prescindere dalla età anagrafica, non ci sono risposte sulla necessaria riforme complessiva".

Leggi anche

"Su queste risposte sulla manovra il sindacato unitariamente valuterà nei prossimi giorni, dopo le decisioni che saranno prese dal Consiglio dei ministri, forme e strumenti di mobilitazione per sollecitare scelte adeguate", aggiunge il leader sindacale.

"Se si andrà verso una decisione bene, se vorranno confrontarsi con noi, noi siamo pronti a farlo giorno e notte. Se non dovesse avvenire nei prossimi giorni, dopo che valuteremo quello che il governo fa, decideremo le iniziative di mobilitazione più adatte nel rapporto con Cisl e Uil'', poi afferma il segretario della Cgil, Maurizio Landini.

Quello con il governo, continua il segretario Cgil, "è stato un confronto importante e molto franco. Siamo di fronte a una manovra molto importante, che ha l'obiettivo di rafforzare la crescita del nostro Paese" e quindi occorre creare lavoro e "in particolare abbiamo posto un tema molto preciso: non è accettabile che il lavoro che è stato creato in questi mesi sia precario. Abbiamo posto un tema: c'è bisogno di cancellare e modificare forme di lavoro che non hanno più senso e sarebbe ora di costruire una forma di lavoro fondata sulla formazione e sulla stabilità. Questa è la condizione per determinare un sistema pensionistico che stia in piedi", sottolinea quindi il sindacalista. Nel corso dell'incontro a palazzo Chigi il governo "ci ha ribadito che il perimetro presentato" per le pensioni "prevede 600 milioni di spesa, con 600 milioni non fai una riforma degna di questo nome. Ci hanno confermato che allo stato quelle sono le decisioni che hanno preso", aggiunge.

"Non si può oggi tagliare l'Irap, che vuol dire non solo pagare meno le imprese ma l'irap serve a pagare la sanità. Oggi le tasse devono andare nella direzione di aumentare i salari e le pensioni, per far ripartire l'economia del nostro paese e perché la pandemia ha causato una pandemia salariale", spiega. Sui temi presentati dai sindacati nel corso dell'incontro a Palazzo Chigi "abbiamo chiesto al governo di poter avere una risposta, il governo si è riservato di decidere di valutare, ad oggi non ci ha dato una risposta", spiega ancora.

''Siamo qui per migliorare le cose, per dare una prospettiva a questo paese, ma il governo deve decidere di investire sul sindacato e sul mondo del lavoro, non in un'altra direzione e non contro il mondo del lavoro'', conclude Landini.

"Le mancate risposte sulle pensioni, l'assenza di finanziamenti sulla non-autosufficienza, e le mancate risposte sul tema della riforma fiscale ci portano a ritenere fortemente insufficiente il confronto con il governo sulla manovra", commenta infine il leader Cisl, Luigi Sbarra, dopo l'incontro. "Ecco perché nelle prossime ore decideremo, unitariamente, alla luce del testo di legge che sarà approvato in Consiglio dei ministri, a come dare luogo ad una fase di mobilitazione con manifestazioni a sostengo delle nostre rivendicazioni", annuncia ancora.

"Le pensioni non possono essere considerate un dettaglio nella contabilità generale dello Stato: non sono solo un costo economico ma soprattutto un problema di sostenibilità sociale. Ed è sbagliato ritenerle un lusso, un privilegio o una regalia: sono un diritto fondamentale dopo una intensa attività lavorativa. Per questo abbiamo chiesto che si possa uscire a 62 anni", continua il segretario Cisl.

"Abbiamo chiesto certezze per incentivare l'adesione dei giovani alla previdenza complementare e chiesto l'allargamento della 14 esima ai pensionati ma su questi temi non abbiamo registrato risposte sufficienti: ecco perché le incertezze sul finanziamento degli ammortizzatori sociali, le mancate risposte sulle pensioni, la mancanza di finanziamenti sulla non-autosufficenza e l'assenza di risposte sulla riforma del fisco che dovrebbe disegnare un sistema che allevi il peso sui dipendenti e pensionati, ci portano a ritenere fortemente insufficiente il confronto con il governo sulla manovra", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza