cerca CERCA
Giovedì 06 Ottobre 2022
Aggiornato: 09:29
Temi caldi

"Jet russo ha violato lo spazio aereo turco", Ankara convoca l'ambasciatore

30 gennaio 2016 | 10.25
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(AFP) - (AFP)

Un caccia russo avrebbe violato lo spazio aereo della Turchia. Lo denuncia il ministero degli Esteri turco, annunciando che è stato convocato l'ambasciatore di Mosca ad Ankara per proteste formali. Secondo il comunicato diffuso dalle autorità di Ankara, il jet russo ha ricevuto avvertimenti in inglese e in russo prima di violare lo spazio aereo turco per 20-25 secondi vicino alla provincia sudorientale di Gaziantep.

La diplomazia turca sottolinea quindi che l'ulteriore violazione del proprio spazio aereo è un indicatore di azioni irresponsabili da parte della Russia, che portano a un aumento delle tensioni tra i due Paesi nonostante gli espliciti avvertimenti di Ankara e della Nato. Il ministero degli Esteri di Ankara ha quindi chiesto alla Russia di non violare più lo spazio aereo turco, affermando che Mosca sarà ritenuta responsabile delle conseguenze di atti irresponsabili. La Russia è impegnata dal 30 settembre in raid aerei in Siria a sostegno del regime di Bashar al-Assad.

Da parte sua Mosca nega che un suo aereo militare abbia violato lo spazio aereo turco, definendo la denuncia di Ankara come "propaganda". L'aereo militare russo impegnato in Siria non è entrato nello spazio aereo turco, ha sottolineato il ministero della difesa russo.

Nei cieli del Mar Nero c'è stato poi un altro 'incidente diplomatico' che ha coinvolto un caccia russo. Un Rc-135u ha sfiorato un aereo di ricognizione americano, a meno di 4 metri di distanza nello spazio aereo internazionale sul Mar Nero. Lo ha reso noto una portavoce del Pentagono precisando che l'incidente, definito pericoloso, è avvenuto però lunedì scorso.

"Lo scorso 25 gennaio, un Rc-135u impegnato in un volo di routine nello spazio aereo internazionale sul Mar Nero è stato intercettato da un Su-27 russo in modo non sicuro e non professionale" ha detto il colonnello Michelle Baldanza, sottolineando che avvicinamenti, intercettazioni, in volo tra aerei non sono una cosa insolita.

"Ma in questo caso non si è trattato di routine - ha aggiunto - e il pilota russo ha agito in modo non professionale che ha messo l'equipaggio americano e lui stesso a rischio. Noi abbiamo espresso in modo appropriato le nostre preoccupazioni".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza