cerca CERCA
Sabato 03 Dicembre 2022
Aggiornato: 00:07
Temi caldi

'Rodrigo'

Bye bye scogli, il gabbiano 'bussa' alla finestra

28 novembre 2017 | 16.34
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Foto Adnkronos

Addio mare, i gabbiani ormai sono animali di città. Terrazzi e balconi sono perfetti per nidificare e per mangiare devono solo scegliere. Basta una veloce incursione tra i tavolini dei bar o un rapido volo al più vicino cassonetto per assicurarsi lo spuntino. "Per loro lo spazio urbano è un banchetto a cielo aperto - spiega all'Adnkronos Francesca Manzia, responsabile del centro Lipu per il recupero della fauna della Capitale - e da noi preferiscono il centro storico a ridosso del Tevere. In periferia sono meno presenti".

Turisti generosi, differenziata imprecisa e il mare vicino rappresentano per loro una vera e propria manna. Soltanto a Roma sono circa 40mila le coppie monitorate, ma non disdegnano anche altre zone d'Italia. "L'animale 'opportunista' sceglie di stare dove mangiare è più semplice e lì nidifica - aggiunge l'etologa -, quindi, ne vediamo tantissimi anche a Napoli, Trieste e Venezia". Difficile quantificarli con esattezza, però, perché "sono capaci di fare anche 40 chilometri al giorno".

Bussano alla finestra come è capitato anche in redazione da noi a Trastevere. Una volta alla settimana fa capolino un gabbiano che scherzosamente chiamiamo 'Rodrigo' (VIDEO). "Si vedono riflessi sul vetro e, non capendo che sono loro stessi, pensano di trovarsi di fronte a un esemplare della stessa specie e cercano di cacciare l'intruso e riacquistare il proprio territorio" dice la responsabile del centro Lipu. Non è l'unica spiegazione, però. "Può anche essere che qualcuno gli abbia dato del cibo una volta, tornano e lo pretendono - conclude -. Meglio non dargli da mangiare, però, perché quando fanno le uova o hanno i piccoli diventano aggressivi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza