cerca CERCA
Venerdì 24 Settembre 2021
Aggiornato: 20:08
Temi caldi

Peres a Papa Francesco in Vaticano: "Serve una Onu delle religioni"

04 settembre 2014 | 12.44
LETTURA: 4 minuti

L'ex presidente israeliano, in udienza dal Pontefice, ha anticipato la proposta a 'Famiglia Cristiana': "In passato, la maggior parte delle guerre erano motivate dall'idea di nazione. Oggi, invece, vengono scatenate soprattutto con la scusa della religione". Padre Lombardi: "Dal Papa interesse e incoraggiamento". Il premio Nobel per la pace vede Bergoglio a capo dell'organizzazione

alternate text
Shimon Peres e Papa Francesco nell'incontro di giugno per la preghiera congiunta in Vaticano (Infophoto)

''Serve un'Organizzazione delle Religioni Unite, una Onu delle religioni''. E' la proposta che l'ex presidente della Repubblica di Israele e premio Nobel per la pace Shimon Peres ha presentato a Papa Francesco, durante l'udienza di giovedì mattina in Vaticano, secondo quanto lo stesso esponente israeliano ha anticipato in un'intervista a 'Famiglia Cristiana'.

Spiega Peres: ''In passato, la maggior parte delle guerre erano motivate dall'idea di nazione. Oggi, invece, le guerre vengono scatenate soprattutto con la scusa della religione. Oggi ci confrontiamo con centinaia e forse migliaia di movimenti terroristici che pretendono di uccidere in nome di Dio: una guerra del tutto nuova rispetto a quella del passato, sia nelle tecniche sia soprattutto nelle motivazioni''.

Allora, ''preso atto che l'Onu ha fatto il suo tempo, quello che ci serve è un'Onu delle religioni, un'Organizzazione delle Religioni Unite sarebbe il modo migliore per contrastare questi terroristi che uccidono in nome della fede, perché la maggioranza delle persone non è come loro ma pratica la propria religione senza uccidere nessuno, senza nemmeno pensare a uccidere''. Per questo motivo, ''dovrebbe esserci anche una Carta delle Religioni Unite esattamente come oggi c'è la Carta dell'Onu''.

Onu delle religioni a capo della quale Peres suggerisce di porre proprio Papa Francesco. ''Il Santo Padre è un leader rispettato come tale non solo da tante persone ma anche dalle più diverse religioni e dai loro esponenti, anzi forse è l'unico leader davvero rispettato - spiega - Papa Francesco, comunque, ci ha già provato invitando me, Abu Mazen e il patriarca di Costantinopoli a pregare in Vaticano'', per la pace nel mondo e in particolare nel Medio Oriente.

Papa Francesco ha mostrato interesse e dato il suo incoraggiamento in favore dell'Onu delle religioni. Il colloquio di Francesco con Peres è durato quasi un'ora, ''segno della stima e dell'apprezzamento - sottolinea padre Federico Lombardi, portavoce del Vaticano - che il Papa ha per l'ex presidente israeliano, come del resto è noto avendo già parlato di lui come uomo di pace e lodato la sua saggezza e lungimiranza''.

Al termine dell'udienza non è stato redatto alcun comunicato ufficiale, in quanto Peres non è più Capo di Stato in carica. Ma padre Lombardi ha riferito che il Papa ''ha ascoltato con grande attenzione manifestando il suo interessamento e il suo incoraggiamento alla proposta e alle iniziative di pace'' anche se per quanto specificamente riguarda la fondazione di una Organizzazione delle Religioni Unite, il Papa ''non si è preso impegni personali, allo stato attuale'', precisa ancora il portavoce del Vaticano, avendo fatto presente che su questi temi sono attivi due dicasteri vaticani, ovvero il Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso e quello di Giustizia e Pace, guidati rispettivamente dai cardinali Jean Louis Tauran e Peter Appiah Turkson, ''interlocutori che seguiranno con attenzione questa iniziativa''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza