cerca CERCA
Sabato 08 Maggio 2021
Aggiornato: 02:03
Temi caldi

Pescatori sequestrati in Libia, "Haftar irremovibile: vuole calciatori-scafisti"

29 settembre 2020 | 15.12
LETTURA: 1 minuti

Lo fanno sapere fonti libiche. Altre fonti contattate da Aki ricordano come in passato ci sono voluti mesi per casi analoghi

alternate text
(Fotogramma)

L'unica "certezza è che il generale Khalifa Haftar non libererà nessuno fin quando non verranno consegnati i quattro" giovani libici partiti cinque anni fa da Bengasi e condannati in Italia come assassini e trafficanti di migranti. Lo fanno sapere fonti libiche sul caso degli equipaggi dei due pescherecci italiani sequestrati in Libia lo scorso primo settembre. C'è poca chiarezza sul loro caso, dicono. "Si sta pensando di far avocare le indagini alla Procura militare", affermano le fonti dopo le notizie delle ultime ore.

Altre fonti contattate da Aki - Adnkronos International ricordano come in passato "ci siano voluti mesi" per risolvere casi analoghi in Libia, dal momento che le autorità libiche "considerano quelle acque zone di interesse economico esclusivo libico" e non tollerano "violazioni dei propri diritti economici sulle proprie acque".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza