cerca CERCA
Martedì 06 Dicembre 2022
Aggiornato: 18:29
Temi caldi

Petrolio, Opec+ discuterà strategia produzione per novembre: previsioni di tagli

05 ottobre 2022 | 07.19
LETTURA: 1 minuti

Il prezzo del greggio è sceso fino al 30% sui mercati spot da giugno, gli analisti del settore prevedono un chiaro segnale da parte del cartello

alternate text
(Afp)

L'Opec+, il cartello petrolifero composto dalla maggior parte dei produttori non occidentali, definirà mercoledì a Ginevra la sua strategia di produzione per il mese di novembre, con la previsione di un taglio volto a stabilizzare i prezzi del petrolio. Il prezzo del greggio è sceso fino al 30% sui mercati spot da giugno, a causa dei timori di un'incombente recessione economica globale, e gli analisti del settore prevedono un chiaro segnale da parte del cartello.

Il taglio sarebbe inferiore alla decisione ufficiale, poiché alcuni produttori di petrolio, tra cui Angola, Nigeria e Russia, stanno già producendo meno di quanto stabilito negli accordi attuali, ha dichiarato Carsten Fritsch, analista di Commerzbank. "In questo senso, i tagli effettivi saranno più limitati rispetto a quanto scritto sulla carta", ha detto Fritsch.

Secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia (Aie), ad agosto la produzione dei membri dell'Opec+ è stata inferiore di circa 3,4 milioni di barili al giorno rispetto al livello concordato. "Questo è dovuto alla mancanza di investimenti nelle infrastrutture di produzione petrolifera in Nigeria e Angola, ad esempio, e alle sanzioni occidentali contro la Russia", ha dichiarato Fritsch. Da dicembre entrerà in vigore un embargo a livello europeo sul greggio russo. Il Paese continua a fornire circa 2 milioni di barili al giorno al blocco. La quota di mercato globale dell'Opec+ è stimata intorno al 40%.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza