cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 18:32
Temi caldi

Piante già in fiore per una finta primavera, a rischio se arriva il gelo

17 febbraio 2014 | 17.43
LETTURA: 2 minuti

alternate text

I picchi giornalieri delle temperature "stanno facendo partire il processo di fioritura che un inverno troppo mite non è stato capace sinora di ritardare, tanto che i mandorli, gli albicocchi e alcune varietà di peschi sono già molto avanti rispetto al normale". E' quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti sugli effetti delle alte temperature di questa 'finta primavera' che, sottolinea la confederazione degli imprenditori agricoli, "mette a rischio la produzione nazionale di frutta e verdura".

"Le temperature minime hanno fatto registrare - sottolinea la Coldiretti - una anomalia su valori superiori di 3,8 gradi alla media di riferimento nella prima decade di febbraio che hanno mandato in tilt le coltivazioni che si stanno predisponendo alla ripresa vegetativa". L'andamento climatico può avere, segnala la Coldiretti, "l'effetto di ingannare le coltivazioni favorendo un 'risveglio' che le rende particolarmente vulnerabili all'eventuale prossimo arrivo del gelo con danni incalcolabili, a partire dagli alberi da frutto". Se prima della fine dell'inverno, è l'allarme di Coldiretti, "ci sarà un brusco abbassamento della colonnina di mercurio al di sotto dello zero, sarà inevitabile una moria di gemme con i raccolti compromessi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza