cerca CERCA
Giovedì 22 Aprile 2021
Aggiornato: 10:50
Temi caldi

Piazza Affari chiude piatta, tonfo per Pirelli

31 marzo 2021 | 18.14
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Fotogramma)

La Borsa di Milano ha chiuso l’ultima seduta del mese di marzo e del primo trimestre in parità. Nel giorno in cui il presidente Biden alza il velo sul maxi piano di investimenti in infrastrutture, il rendimento del decennale USA ha consolidato sopra quota 1,7%.

Sul Ftse Mib, che ha terminato con un +0,05% a 24.648,56 punti (+6,9% a marzo, +11% nel Q1), spicca il buon andamento dell’accoppiata formata da STMicroelectronics e Nexi, salite rispettivamente dell’1,85 e dell’1,67 per cento. Denaro anche su Buzzi Unicem (+1,88%) e Prysmian (+1,99%).

Nel comparto energetico (alla vigilia del meeting dell’Opec+ il Brent segna un +0,3% a 64,35 dollari al barile) Eni ha registrato un +0,79% e Saipem ha chiuso con un -0,04%. Incremento dello 0,7% per Enel mentre Telecom Italia ha terminato in sostanziale parità (+0,15%) nel giorno dell’assemblea chiamata a rinnovare il Cda.

Debole Atlantia (-0,19%): secondo quanto riportato dai giornali in edicola, il consorzio guidato dalla Cdp starebbe per presentare un’offerta che valuterebbe Aspi 9,1 miliardi di euro.

La performance peggiore del paniere delle blue chip è stata registrata dalle azioni Pirelli (-3,55%) in scia della presentazione del nuovo piano industriale. Nel primo biennio sono previsti investimenti per 710-730 milioni di euro mentre nel triennio il dato è visto a 1,2-1,3 miliardi. Dal fronte efficienze, nei primi due anni dovrebbero attestarsi a 170 milioni mentre nella seconda parte a 70-100 milioni.

Nel comparto obbligazionario, segno meno per lo spread tra i nostri decennali ed i corrispondenti titoli tedeschi, sceso a 95 punti base. (in collaborazione con money.it).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza