cerca CERCA
Sabato 27 Novembre 2021
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

Piazza Affari riduce perdite in chiusura, giù Telecom (-4,29%)

27 febbraio 2014 | 19.22
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Riducono le perdite le piazze finanziarie europee in chiusura di contrattazioni, dopo una giornata vissuta sui ribassi, anche a causa delle notizie sulla crisi ucraina. A imprimere fiducia la seconda audizione al Congresso di Janet Yellen, il nuovo presidente della Federal Reserve, che in relazione al piano di riduzione degli stimoli monetari ha detto che porterà avanti il tapering tenendo sotto stretto controllo i tempi della ripresa. E comunque la politica della Fed sarà ancora per un certo periodo di tempo accomodante. Sulle sue parole le Borse del Vecchio Continente hanno recuperato terreno. Ma altri dati macroeconomici Usa sono stati diffusi in giornata e non sono stati positivi. Si tratta delle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione, in aumento, e degli ordini dei beni durevoli, in calo.

Per quanto riguarda invece l'eurozona, a febbraio rimane invariata la fiducia nell'economia: l'indice Esi ha segnato un incremento di 0,2 punti sia per l'area dell'euro (a 101,2) sia per l'Unione europea (a 105). In Italia collocati i 3 miliardi di Btp quinquennali (con scadenza 1 maggio 2019) e i 4 mld di Btp decennali (con scadenza 1 settembre 2024). Il rendimento lordo dei Btp a 5 anni scende al 2,14% dal 2,43% della precedente asta e la domanda si è attestata a 1,6 volte l'offerta.

In questo contesto, Francoforte ha terminato la giornata in calo dello 0,76%; Madrid -0,59%; Amsterdam -0,09%; Zurigo -0,73%; Parigi -0,01%, Londra +0,16%; Lisbona +0,68%; Bruxelles +0,58%.

A Milano Piazza Affari ha chiuso gli scambi in rosso, anche se recuperando in gran parte le perdite. Il Ftse Mib ha lasciato sul terreno lo 0,38% a 20.320, mentre l'All Share ha ceduto lo 0,33% a 21.674. Tonfo di Telecom Italia che cede il 4,29% a 0,81 euro nel giorno della convocazione del cda. A pesare il possibile downgrade annunciato da Fitch e la revisione del prezzo obiettivo di Goldman Sachs da 1,05 euro a 0,95.

Vendite anche su Finmeccanica che chiude la giornata in flessione dell'1,2% sui timori che la controllata Ansaldo Breda possa registrare nel 2013 perdite fino a 500 mln di euro, secondo indiscrezioni riportate dal Sole 24 Ore.

Positivo il comparto bancario con Mps +2,66%; Ubi Banca +1,71%; Bpm +1,66%; Mediobanca +1,33%; Bper +1,22%. Invariata Intesa Sanpaolo, mentre Banco Popolare cede lo 0,07%. Tra i titoli a minore capitalizzazione, in verde Aeroporti di Firenze che termina gli scambi con un progresso del 22,2% a 13,32 euro, dopo che Aeroporti Holding ha accettato un'offerta dell'argentina Cedicor, controllante di Corporación América, per il 33,4% a un prezzo di 13,42 euro per azione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza