cerca CERCA
Giovedì 18 Agosto 2022
Aggiornato: 07:31
Temi caldi

Piemonte, anche da Cassazione no a Cota: annullate le Regionali 2010

17 aprile 2014 | 16.22
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Torino, 17 apr. (Adnkronos/Ign) - Nuovo no al Governatore del Piemonte Roberto Cota sull'annullamento delle Regionali 2010. La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso del Presidente della Regione contro il verdetto del Consiglio di Stato di febbraio scorso, dichiarando la legittimità dell'annullamento delle elezioni.

In particolare, le sezioni unite civili nella sentenza 8993 depositata oggi, uniformandosi al parere espresso ieri dal sostituto procuratore generale Maurizio Velardi, hanno stabilito che da parte del Consiglio di Stato non si può ''riscontrare nessun vizio idoneo a configurare il denunciato eccesso di potere giurisdizionale''.

La questione analizzata dalla Cassazione trae origine dalle elezioni regionali del 2010 nelle quali il leghista Roberto Cota era diventato governatore del Piemonte anche grazie ai 27.892 voti della lista 'Pensionati per Cota' di Michele Giovine, ex consigliere regionale condannato insieme al padre Carlo per le firme false a sostegno del loro movimento.

Il Tar aveva dovuto aspettare la condanna definitiva in Cassazione il 18 novembre 2013, per fissare l'ultima udienza del ricorso nel quale trattare nel merito la questione. Ai giudici era bastata la falsità della loro lista per annullare il voto. Quindi il ricorso al Consiglio di Stato e, facendo propria la sentenza penale, aveva ratificato la legittimita' dell'annullamento delle elezioni regionali del 2010. Da qui il ricorso di Cota in Cassazione prima delle elezioni europee previste il prossimo 25 maggio.

La Cassazione, però, dichiarando inammissibile il ricorso ha chiuso definitivamente la questione e ha ricordato che ''tutte le situazioni'' lamentate nel ricorso del governatore del Piemonte ''non implicano assolutamente un travalicamento dei limiti esterni del potere giurisdizionale attribuito al giudice cui quegli errori siano eventualmente imputabili''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza