cerca CERCA
Venerdì 14 Maggio 2021
Aggiornato: 01:59
Temi caldi

Pil, 2020 annus horribilis: cigno nero Covid brucia oltre 170 miliardi

29 dicembre 2020 | 18.55
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Afp)

L'annus horribilis della pandemia del Covid ha bruciato oltre 170 miliardi di pil, cifre da record che evocano la teoria del Cigno nero, l'evento imprevisto dalle conseguenze devastanti. E' quanto emerge rielaborando le stime programmatiche del governo che prevede per il 2020 un crollo del prodotto del 9%. La pandemia si è abbattuta su un paese con problemi di produttività decennali, fino ad un anno fa in bilico tra uno scenario di mini-ripresa o di stagnazione, che invece è stato travolto dalla recessione. E confrontando in valori assoluti il pil del 2019 e quello del 2020 emerge come la perdita di prodotto in termini assoluti superi i 170 miliardi.

In termini percentuali il governo punta a confermare la stima del -9% di crescita per quest'anno ma non bisogna dimenticare che, in caso di scenario peggiore con difficoltà a domare la recrudescenza della terza ondata del coronavirus, la previsione potrebbe andare giù fino a -10,5%. Per il 2021 il governo prevede un rimbalzo del 6 per poi rallentare al +3,8% nel 2022. Stime più ottimistiche quelle del governo rispetto agli altri previsori internazionali, tra questi la Commissione europea che in autunno ha stimato un calo della crescita del -9,9%. Più pessimistica anche la ripresa prefigurata da Bruxelles per il 2021: l'incremento del pil si limiterà infatti al 4,1% mentre nel 2022 sarà del 2,8%.

Nubi nere anche nella zona euro dove il pil si contrarrà del 7,8% quest’anno, prima di tornare a correre a +4,2% nel 2021 e +3% nel 2022, mentre la crescita dell’Ue a 27 segnerà -7,4% quest’anno per riprendere il prossimo anno con +4,1% e +3% nel 2022, secondo la Commissione europea.

Lo tsunami del Covid ha messo infatti in ginocchio l'export ma soprattutto i consumi: l'Italia nell’anno in corso perderà oltre 116 miliardi di consumi, secondo Confcommercio. A livello procapite, la caduta della spesa sul territorio nel 2020 ammonterebbe a 1.900 euro a testa, riportandone il livello alla metà degli anni ’90.

La seconda ondata del Covid ha ridimensionato le speranze legate al rimbalzo del pil italiano del terzo trimestre del 2020, quando sulla scia della 'riapertura' estiva il prodotto nazionale ha segnato un balzo del 16,1% rispetto al trimestre precedente quando era sprofondato a -13%. La ricetta per tornare a crescere punta su politiche espansive e sul Recovery plan, il tutto agevolato dagli stimoli della Bce. Spetterà però a ciascun governo mettere in atto piani nazionali all'altezza degli annunci e trasformare il dramma del Covid in un'opportunità per impostare una crescita equa, green e sostenibile.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza