cerca CERCA
Lunedì 29 Novembre 2021
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Pillola anti covid, Burioni: "Se approvata, avremo cure domiciliari"

01 ottobre 2021 | 17.40
LETTURA: 1 minuti

Il virologo: "Merito di ricercatori seri e non di cialtroni"

alternate text

Se la 'pillola anti covid' della Merck verrà approvata, "finalmente avremo delle cure domiciliari". Il professor Roberto Burioni commenta su Twitter la notizia relativa al farmaco antivirale molnupiravir mostra di ridurre di circa il 50% il rischio di ricovero e morte. "Se il molnupiravir (il farmaco anti covid della Merck) verrà approvato finalmente avremo delle cure domiciliari. Che sono arrivate - guarda caso - dai ricercatori seri e non dalle nutrite e vocianti truppe di cialtroni che si autocertificano geni incompresi", scrive il virologo soffermandosi sulla "fantastica notizia".

"Merck ha appena annunciato che un suo nuovo farmaco, somministrato precocemente ai pazienti a rischio con covid-19, dimezza il rischio di ospedalizzazione e di morte. Per la precisione tra i pazienti che hanno preso il farmaco (orale) nessuno è morto", riassume il virologo, evidenziando che "questo farmaco potrebbe essere attivo anche contro futuri coronavirus che avessero la cattiva idea di riprovare a saltare dagli animali all'uomo. Incrociamo le dita e aspettiamo il lavoro scientifico per un giudizio finale. Aggiungo che il trattamento con questo farmaco costa 700 dollari, mentre la vaccinazione qualche decina di dollari. Per cui vi prego di non fare gli interessi di big pharma e vaccinarvi". Quindi, la frecciatina ai no vax: "Se approveranno M", scrive Burioni identificando il farmaco con l'iniziale, "uno dei vantaggi sarà che i novax non potranno diventare nomolnupiravir perché è una parola troppo difficile per loro sia da scrivere sia da pronunciare".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza