cerca CERCA
Lunedì 02 Agosto 2021
Aggiornato: 23:44
Temi caldi

Manovra

Dl fiscale, 200 euro per sanare errori formali

19 novembre 2018 | 17.20
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

I contribuenti che hanno sbagliato a compilare la dichiarazione dei redditi potranno risolvere il problema versando 200 euro per ogni periodo d'imposta dal 2013 al 2017. Governo e maggioranza, con le riformulazioni degli emendamenti al decreto legge fiscale che saranno presentati in commissione Finanze al Senato, puntano ad aumentare il gettito portando la quota chiesta ai contribuenti dai 150 euro, previsti in una proposta di modifica presentata nei giorni scorsi, a 200 euro.

Aumentano anche gli sconti per chi è in lite con il fisco e vuole chiudere la partita. L'obiettivo di governo e maggioranza, con le riformulazioni degli emendamenti al dl fiscale, è quello di aumentare la platea che chiederà di aderire alla sanatoria. Lo sconto per chi ha vinto in primo grado passa dal 50% al 60% della somma dovuta (basterà quindi pagare il 40%, senza interessi e sanzioni).

Per chi ha vinto in secondo grado dopo aver perso nel primo grado di giudizio lo sconto sale dall'80% all'85% e, di conseguenza, sarà sufficiente versare il 15% dell'importo chiesto dall'erario. Infine per chi ha vinto entrambi i primi due gradi di giudizio e attende la Cassazione potrà chiudere la partita versando solo il 5% della somma. Anche chi non è ancora entrato in tribunale può aderire alla sanatoria, versando il 90% di quanto dovuto, quindi con uno sconto del 10%. Sanzioni e interessi sono cancellati in tutti i casi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza