cerca CERCA
Mercoledì 19 Gennaio 2022
Aggiornato: 02:35
Temi caldi

Borsa: europee in calo a metà seduta, Milano pesante (-1,53%)

01 dicembre 2014 | 14.22
LETTURA: 4 minuti

In calo a metà giornata Piazza Affari, che amplia le perdite in particolare dopo la diffusione dell'indice Pmi manifatturiero e del Pil relativo al terzo trimestre. Vendite sul comparto bancario e Azimut. Bene Yoox e Luxottica.

alternate text

Avvio di ottava pesante per le piazze finanziarie europee, in particolare per Milano che sconta prese di profitto dopo le positive sedute della scorsa settimana e dati macroeconomici non favorevoli. Nell'Eurozona il Pmi manifatturiero è sceso (lettura finale) nel mese di novembre a 50,1 punti, in calo dai 50,4 della rilevazione precedente e sotto le attese degli analisti che lo davano stabile a 50,4. Secondo Markit cinque nazioni sulle otto monitorate hanno riportato a novembre contrazioni, e ciò rappresenta la proporzione maggiore da quando l’attuale ripresa della zona euro ha avuto inizio durante luglio dello scorso anno. Se la Francia ha segnato 48,4 (oltre consensus ), tuttavia resta con Austria in coda alla classifica Pmi di novembre. In calo la Germania (49,5 contro consensus a 50).

"l motore delle esportazioni tedesco si è bloccato, causando il peggioramento maggiore dei nuovi ordini del paese da dicembre 2012. Questi sono diminuiti anche in Francia e Italia, provocando previsioni negative circa la produzione dei mesi futuri" ha commentato Chris Williamson, chief economist di Markit. In Italia l'indice risulta invariato a 49, ma sotto le attese. Per altro il Pil cala nel terzo trimestre dello 0,1% secondo quanto rileva l'Istat rispetto al trimestre precedente, mentre anno su anno la flessione è -0,5%.

Ora si attendono i dati Usa del pomeriggio, tra i quali il Pmi manifatturiero, l'indice Ism manifatturiero. Intanto i futures sui principali indici pronosticano un avvio di Wall Street in calo. In questo scenario, pesante la piazza di Lisbona con il psi 20 che lascia sul terreno il 2,37%. In caldo Madrid -0,72%, Bruxelles -0,73%, Amsterdam -0,62%, Parigi -0,41%, Francoforte -0,47%. Piatta Zurigo con lo Smi che segna +0,04%.

Mentre lo spread tra i Btp e i Bund decennali tedeschi è in calo a 132 punti base, a Piazza Affari sono molti i titoli in rosso. L'indice Ftse Mib lascia sul terreno l'1,53% a 19.708, mentre l'All Share cede l'1,48% a 20.802. Tra le blue chips in rosso Azimut, sospesa in avvio di giornata per un eccesso di ribasso e poi rientrata in contrattazioni. Al giro di boa cede il 4,11% e cede la maglia nera a Banco Popolare dell'Emilia Romagna, in calo del 4,56%. Con Bper a soffrire è l'intero comparto bancario: Banco Popolare -3,7% a 10,6 euro; Intesa Sp -3,55% a 2,39; Mediolanum -3,58% a 5,38; Ubi Banca -3,24% a 5,98; Unicredit -3,11% a 5,76; Mps -2,39% a 0,63; Mediobanca -1,25% a 7,11. Sul fronte opposto Yoox che lima a metà giornata ma si mantiene in territorio positivo dopo una brillante mattinata. Il titolo guadagna lo 0,73% a 19,3 euro dopo un Black Friday da record: sono stati 1,5 milioni gli appassionati di moda che hanno visitato i 40 online store del Gruppo, scegliendo di fare shopping online. Nell’arco della giornata, Yoox ha ricevuto un ordine ogni 3,5 secondi da clienti in tutto il mondo. In territorio positivo anche Luxottica (+0,79%), Campari +0,18% e Wdf +0,26%. In progresso Fiat Chrysler Automobilies (+1,2%).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza