cerca CERCA
Venerdì 12 Luglio 2024
Aggiornato: 17:49
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Giustizia, Nordio: "Abuso d'ufficio finalmente abrogato". Scintille con l'Anm: "Ingiusta denigrazione magistrati"

Giustizia, Nordio:
05 luglio 2024 | 16.30
LETTURA: 3 minuti

"L'articolo sull'abuso d'ufficio è finalmente abrogato". All'indomani del via libera dell'aula della Camera all'abrogazione del reato di abuso d'ufficio, il ministro della Giustizia Carlo Nordio, in un'intervista a 'SkyTg24', risponde alle polemiche dell'opposizione secondo cui, se da un lato è stato cancellato il reato, dall'altro è spuntata nel dl carceri una nuova fattispecie ossia il reato di 'peculato per distrazione'. "L'abuso d'ufficio - sottolinea Nordio - puniva amministratori che facevano cose che non avrebbero dovuto fare a proprio vantaggio e a danno altrui. Nel peculato per distrazione vi è un'ipotesi completamente diversa, vi è un aspetto patrimoniale, un pubblico ufficiale che fa, di fondi che ha a disposizione, una destinazione diversa da quella per cui gli erano stati concessi".

"Il primo è un reato mono offensivo contro l'imparzialità della Pa, il secondo ha un aspetto di malversazione", spiega Nordio sottolineando che è stato inserito nel dl carceri "perché quando proponemmo un pacchetto di riforma sulla Pa avevamo detto che era parziale perché questi reati contro la Pa sono abbastanza scoordinati e disordinati. L'interpretazione giurisprudenziale data, molto controversa, sull'abuso d'ufficio aveva rivelato una sorta di vuoto di tutela per il peculato per distrazione - osserva Nordio - per evitare l'incertezza del diritto lo abbiamo inserito in via di urgenza per eliminare qualsiasi incertezza, ma non ha nulla a che fare con l'abuso d'ufficio". Nordio sottolinea che con l'abolizione del reato di abuso di ufficio e l'introduzione del nuovo reato "siamo in linea con l'Europa e abbiamo colmato un piccolo vuoto normativo".

Il ministro rivendica la scelta di eliminare l'abuso d'ufficio: "La situazione era diventata intollerabile, vi erano migliaia e migliaia di indagini nei confronti di sindaci e pubblici amministratori che per anni sono rimasti sotto la tagliola giudiziaria, sono stati addirittura costretti alle dimissioni e poi assolti o addirittura archiviati". E sulle critiche avanzate anche da parte dell'Associazione nazionale magistrati osserva: "L'Anm dovrebbe domandarsi allora perché non prendere in considerazione la professionalità dei magistrati che hanno tenuto sotto pressing 5mila e passa sindaci e amministratori, hanno rovinato la loro carriera politica, personale, finanziaria per poi sentirsi dire che hanno sbagliato". Il ministro, nel corso dell'intervista, assicura comunque che il "dialogo con i magistrati è sempre aperto". "Ognuno ha le sue idee ma alcuni vincoli, dati dall'elettorato, non sono negoziabili - puntualizza - faremo la separazione delle carriere, così come abbiamo abolito il reato di abuso di ufficio", ma aggiunge che "tutto ciò che riguarda l'efficienza della giustizia lo facciamo in piena sintonia con i magistrati".

Non si è fatta attendere la replica dell'Associazione nazionale dei magistrati (Anm): “Credo che il ministro non possa limitarsi a generiche contestazioni di scarsa professionalità dei magistrati ma dovrebbe far capire a chi e a che cosa si riferisce, proprio perché lui, e non l’Anm, è titolare di poteri ispettivi", afferma all'Adnkronos Salvatore Casciaro, segretario generale dell'Anm. "Se si basa sul mero rapporto statistico indagini/condanne per abuso d’ufficio - sottolinea - è un dato di per sé fuorviante che non tiene conto, tra le altre cose, della parziale abrogazione del reato col decreto semplificazioni del 2020 e delle modifiche intervenute con la riforma Cartabia sulla regola di giudizio della ragionevole previsione di condanna”. “Simili affermazioni - conclude - finiscono purtroppo col tradursi solo in un’opera di ingiusta e sommaria denigrazione della magistratura dinanzi all’opinione pubblica”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza