cerca CERCA
Sabato 22 Gennaio 2022
Aggiornato: 17:55
Temi caldi

Polizia, Gabrielli: 'Grato per incarico'

30 aprile 2016 | 16.09
LETTURA: 2 minuti

Nomine, Renzi: "Gabrielli nuovo capo della polizia. Pansa al Dis, Parente all'Aisi"

alternate text

"Soddisfatto e grato per la fiducia che il governo e il ministro dell'Interno hanno voluto darmi". Con questi sentimenti il prefetto Franco Gabrielli, designato ieri nel Consiglio dei ministro come nuovo Capo della Polizia rivolge il proprio "pensiero a tutti gli uomini e le donne" della Polizia "che ogni giorno portano il peso e la responsabilità del ruolo che la comunità attribuisce loro". Gabrielli è intervenuto questa mattina all'inaugurazione della sala 'Roberto Mancini' al commissariato San Lorenzo di Roma, dedicata alla memoria del poliziotto che per primo indagò sulle ecomafie e sugli affari della criminalità organizzata nella 'Terra dei fuochi'.

Alla cerimonia hanno preso parte tra gli altri il vice capo vicario della Polizia Luigi Savina, il questore di Roma Nicolò D'Angelo, la vedova del poliziotto, Monica Mancini, il giornalista Sandro Ruotolo e Beppe Fiorello, protagonista della fiction tv 'Io non mi arrendo' dedicata alla figura del poliziotto, medaglia d'oro al valor civile, morto dopo essersi ammalato per il contatto continuato con i rifiuti tossici.

Quanto al proprio successore alla guida della prefettura di Roma, Gabrielli ha osservato: "Per fortuna non sono il presidente del Consiglio, il governo e il ministro dell'Interno, che decideranno al meglio il destino di questa importante prefettura in una città importante, che è la capitale del Paese".

La designazione a nuovo Capo della Polizia da parte del Consiglio dei ministri "è una cosa che per uno che fa il mestiere del poliziotto è motivo di grande soddisfazione e consapevolezza della gravita del ruolo che si va ad assumere. E' una cosa importante che ognuno di noi vive come un'eventualità remota". In conclusione, Gabrielli ha espresso un proposito per il futuro: "mi piacerebbe tornare alla mia vecchia fisionomia, quando i giornalisti a Roma -ha ricordato- mi definivano 'l'uomo che non parla mai'".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza