cerca CERCA
Sabato 10 Aprile 2021
Aggiornato: 17:15
Temi caldi

Milano: poster Belen in centro, residenti chiedono e ottengono rimozione

13 dicembre 2014 | 15.32
LETTURA: 3 minuti

Nuova polemica scatenata dalle immagini della showgirl in lingerie e atteggiamenti provocanti. Troppo 'pericolose', verranno sostituite (Guarda il VIDEO)

alternate text
Dal sito di 'Jadea'

Di nuovo Belen effetto ciclone per le vie di Milano. Sembra che ogni cosa faccia la showgirl scateni un putiferio. Non ultimo sotto la Madonnina dove è insorto addirittura un quartiere. Il motivo? Maxi cartelloni pubblicitari affissi in corso Buenos Aires, angolo via Lazzaro Palazzi, che raffigurano Belen che indossa biancheria intima. E distrae gli automobilisti suscitando le proteste dei residenti come già qualche hanno fa, per la medesima ragione.

A insorgere ancora una volta è il Comitato Venezia Buenos Aires che attraverso il presidente Paolo Ippolito Uguccioni ha fatto pervenire all'amministrazione comunale una missiva nella quale chiedono la rimozione.

I cartelloni, scrive Uguccioni "rappresentano un serio pericolo per la circolazione veicolare proveniente dal centro verso piazzale Loreto, in quanto raffiguranti una ragazza molto provocante e discinta che compie il gesto di volersi calare le mutandine; catturano l’attenzione dei guidatori con conseguente grave pericolo di tamponamenti, scontri con motociclisti o peggio di investire i passanti che abitualmente, contravvenendo alle norme in materia, attraversano il corso in quel tratto, pur essendo lontani dagli appositi semafori".

Di qui la richiesta da parte di Uguccioni al Comune di chiarire se prima di concedere l'autorizzazione aveva assunto tutte le precauzioni del caso verificando i contenuti della pubblicita, e ai Vigili per rimuoverla. E gli agenti della Municipale fanno sapere che verrà effettivamente rimosso, ma intanto il risultato da parte della casa di moda che lo ha fatto affiggere in quella posizione ha ottenuto un forte risalto mediatico.

Sul tema interviene anche l'ex vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato, che se la prende con "Pisapia e la sua Giunta", i quali, suggerisce "pensino ai problemi reali di Milano, che sono tantissimi. Non si preoccupino dei cartelloni pubblicitari di corso Buenos Aires che ritraggono Belen Rodriguez, non è quella la causa dei mali della città".

"O forse - si domanda - il sindaco si sente in colpa, osservando la pubblicita della biancheria intima, per aver lasciato i milanesi in mutande a suon di tasse e multe? Mi chiedo i motivi per i quali l'amministrazione comunale ostenta questo falso moralismo riguardo un cartellone pubblicitario e non si scandalizza mai per le scene volgari che spesso avvengono durante i vari 'pride' che Pisapia ha autorizzato, e non ricorda di aver patrocinato i corsi di 'dominazione o sottomissione' sadomaso nella 'casa dei diritti', un palazzo comunale di via De Amicis".

"Milano è afflitta dall'invasione di profughi o presunti tali, scene di guerriglia urbana che ieri hanno coinvolto anche la sede del Consiglio regionale al Grattacielo Pirelli, abusivi che occupano e centri sociali che imperversano, ma l'attenzione è rivolta verso Belen Rodriguez e la pubblicità della biancheria intima. Ritengo che ci siano altre cose a cui pensare in questa città, alla vigilia di Expo 2015" conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza