cerca CERCA
Giovedì 18 Agosto 2022
Aggiornato: 14:41
Temi caldi

Potenza, faceva prostituire la figlia disabile: in manette la madre e un complice

10 maggio 2014 | 13.29
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Una turpe e disumana storia e' stata messa in luce nella zona di Venosa, in provincia di Potenza, dai carabinieri. Una madre 51enne e' stata arrestata perche' faceva prostituire la giovane figlia con problemi psichici, con la complicita' di un suo conoscente pregiudicato 62enne.

Una storia agghiacciante su cui le indagini sono iniziate due anni fa, presentando subito un quadro indiziario molto grave nei confronti della madre che, in collaborazione con il pregiudicato, costringeva la ragazza a prostituirsi, procacciondole gli uomini, generalmente anziani, con i quali avrebbe dovuto avere rapporti sessuali.

A volte erano i due aguzzini ad accompagnare la giovane donna agli appuntamenti nelle abitazioni o nelle auto dei clienti, per poi riportarla a casa e spartirsi i soldi ricavati dallo sfruttamento. Dalle indagini minuziose e' emerso che sono stati tanti gli uomini con cui la ragazza e' stata fatta prostituire, spesso sotto minacce di morte o ricevendo botte dal pregiudicato quando si rifiutava.

Dall'inchiesta e' emerso un ruolo attivo proprio della madre della vittima poiche' sono numerose le circostanze accertate dai militari in cui era lei stessa ad accompagnarla e a rimanere in attesa, a breve distanza.

Nel corso delle indagini la giovane e' stata sentita e ha fornito elementi che hanno poi permesso di ricostruire il pesante quadro accusatorio. I due sfruttatori sono finiti in carcere per violenza sessuale, sfruttamento, induzione ed agevolazione della prostituzione continuati in concorso, con l'aggravante di avere abusato delle condizioni di inferiorita' psicofisica della vittima.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza