cerca CERCA
Giovedì 06 Maggio 2021
Aggiornato: 23:17
Temi caldi

Pregliasco: "Inverno superabile se non faremo sgambetti"

17 settembre 2020 | 16.08
LETTURA: 2 minuti

Il virologo all'Adnkronos Salute: "Guardia alta, con ricoverati triplicati ed età media positivi in risalita evitare il passato dipende da noi"

alternate text
Fotogramma

"Ce la possiamo fare" ad affrontare l'inverno che verrà, in cui saremo ancora costretti a convivere con il coronavirus Sars-Cov-2. "Potremo superarlo" e ritrovarci 'in piedi' a primavera, "ma non dobbiamo fare sgambetti". Invita a tenere la "guardia alta" contro Covid-19 il virologo dell'università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell'Irccs Istituto ortopedico Galeazzi del capoluogo lombardo. I buoni comportamenti anti-contagio restano cruciali, ammonisce.

"La malattia non è diversa - spiega Pregliasco all'Adnkronos Salute -. Ciò che è cambiata è la nostra capacità di gestirla", e proprio questo si rivelerà "decisivo nei prossimi mesi" anche alla luce di due trend: una risalita dell'età media dei nuovi contagi, dopo il crollo registrato nella stagione estiva, e un aumento dei ricoveri nei reparti medici e nelle terapie intensive. "Rispetto al 22 luglio i primi sono triplicati da 500 a 1.500, i secondi da 50 a 150", rileva l'esperto. La buona notizia di queste ore, guardando ai mesi invernali, è che "sicuramente l'influenza potrà non essere pesante - prevede il medico - come invece come la comparsa di nuove varianti virali potrebbe far temere. Questa stima si basa sull'esperienza australiana" e dipende anche dalle misure di contenimento adottate contro la pandemia".

"Influenza colpirà 6-8 milioni di italiani, ma il Covid potrà limitarla"

Quanto a Covid, "è chiaro a mio avviso che ci sarà una continua progressione di focolai - ritiene il virologo - e che saranno solo l'organizzazione e la capacità di contrastarli le armi per ridurne diffusione e dimensioni".

Commentando l'andamento dell'epidemia di Sars-CoV-2 nel nostro Paese, secondo Pregliasco "è chiaro che la capacità dei Dipartimenti di Prevenzione di fare indagini epidemiologiche sta ampliando l'esplorazione e il 'carotaggio' anche di quei casi asintomatici che all'inizio non vedevamo". L'elemento da tenere sotto controllo, raccomanda piuttosto l'esperto, è "il carico di Covid sulle strutture sanitarie". Carico che sta crescendo. Ma perché torna ad aumentare l'età degli italiani infettati? "Può essere che i giovani siano andati in vacanza e abbiano riportato il virus in famiglia", ossia "che una parte più matura della popolazione torni ad essere contagiata perché i giovani si sono contagiati a loro volta", ipotizza Pregliasco.

"Tuttavia - ribadisce - finché rimane contenuto il numero di ricoverati, possiamo essere rassicurati dal fatto che la capacità di assistenza oggi è maggiore e alcuni approcci terapeutici corretti ormai li sappiamo mettere in campo. Non è la malattia che è cambiata, e non sono cambiati in modo sostanziale nemmeno i pazienti - ripete il medico - ma è mutata la nostra capacità di affrontare e gestire Covid-19".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza