cerca CERCA
Domenica 19 Settembre 2021
Aggiornato: 19:16
Temi caldi

Mariano Comense

Prete scomunica Salvini durante la messa: "O si sta con lui o si è cristiani" /Video

10 novembre 2016 | 11.47
LETTURA: 2 minuti

alternate text
- FOTOGRAMMA

Scontro diretto tra la Lega Nord e un sacerdote di Mariano Comense, in provincia di Como, don Alberto Vigorelli. Il prete durante la messa ha dichiarato: "O si sta con Salvini o si è cristiani", commentando un passo del Giudizio finale tratto dal Vangelo secondo Matteo sull'accoglienza degli stranieri.

"Ho detto queste parole durante la messa e le confermo" ha ribadito il sacerdote. Direttamente chiamato in causa, Matteo Salvini ha reagito duramente su Facebook: "Incredibile - ha scritto - Un prete di Mariano Comense, a messa, davanti ai bambini della prima comunione ha detto: 'O siete di Salvini o siete cristiani'. Ma come si permette questo sacerdote di dare patenti di cristianità, insultando non solo me ma milioni di italiani? Episodio vergognoso, stavolta non lasciamo perdere", ha aggiunto.

Immediata la reazione anche di altri leghisti illustri come il parlamentare comasco Nicola Molteni e il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli. Il primo ha affermato su Facebook: "Siamo stanchi di questi continui tentativi di scomunica da chi usa il pulpito per fare propaganda politica filoimmigrazionista – ha attaccato - Qualcuno fermi Vigorelli che si permette persino davanti a decine di bambini di decidere chi sia o meno cristiano. Il prete di Mariano Comense già nel 1997 si dichiarava orgogliosamente “un compagno”. Niente di male, noi siamo orgogliosamente leghisti però pretendiamo rispetto soprattutto da chi indossa l’abito talare".

Calderoli ha invece chiamato in causa direttamente Papa Francesco inviandogli una lettera per chiedere un suo intervento diretto. "Ho invitato il Santo Padre a interessarsi della vicenda, valutando l’opportunità di rimuovere questo sacerdote dopo queste sue gravissime affermazioni, per cui non possono bastare solo delle scuse formali. Sono certo che il Papa terrà in debita considerazione questa mia richiesta".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza