cerca CERCA
Giovedì 28 Ottobre 2021
Aggiornato: 20:40
Temi caldi

Profondo rosso a Piazza Affari

20 settembre 2021 | 18.19
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Avvio di settimana da dimenticare per le borse europee, scosse dalla questione del possibile default del gruppo immobiliare cinese Evergrande (la cui esposizione potrebbe innescare un effetto a catena) ed in tensione in vista degli importanti appuntamenti della settimana (meeting della Federal Reserve su tutti).

Milano ha poi risentito dello stacco del dividendo di due big del calibro di Eni (-4,82%) ed STMicroelectronics (-1,63%) e degli aggiornamenti relativi il comparto bancario.

Sul Ftse Mib, che ha chiuso in rosso del 2,57% a 25.048,26 punti, spiccano le vendite sul terzetto composto da UniCredit (-4,71%), BPER Banca (-5,34%) e Banco BPM (-5,1%). “In questo momento non sembrano esserci i presupposti per avviare un percorso di consolidamento”, ha detto l’Ad di quest’ultimo istituto, Giuseppe Castagna.

Giornata da dimenticare anche per Cnh Industrial (-3,48%) e Stellantis (-4,47%). Il comparto automotive è sotto pressione dopo la notizia dell’indagine su circa 30 milioni di auto di vari marchi equipaggiate con airbag del produttore giapponese Takata.

Meno 1,33% per Assicurazioni Generali: Fondazione CRT ha deciso di unirsi al patto siglato da Francesco Gaetano Caltagirone e Leonardo Del Vecchio portando l’intesa al 12,334% del Leone di Trieste.

Dal fronte titoli di Stato, il clima di avversione al rischio ha fatto salire lo spread Btp-Bund del 3% a 103 punti base. (in collaborazione con money.it).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza