cerca CERCA
Sabato 24 Luglio 2021
Aggiornato: 06:38
Temi caldi

Proger conferma leadership tra società ingegneria, aumenta utile e patrimonio

21 luglio 2021 | 15.19
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Nell’anno del Covid Proger spa si conferma società leader di ingegneria in Italia. La chiusura del bilancio 2020 evidenzia un incremento dell’ebitda (+20,10%), dell’utile netto (+15,75%) e del patrimonio netto (+12,5%), e una sostanziale conferma del fatturato a 88,25 milioni di euro, contro un valore di 88,95 del 2019 (-0,79%). Oltre al fatturato della Spa italiana il Gruppo vanta diverse partecipazioni in Italia e soprattutto all’estero (dall’Egitto alla Russia) dove Proger opera attraverso le sue numerose controllate (legal entity).

“I risultati economici di Proger per l’esercizio 2020 sono da considerare più che soddisfacenti nonostante l’emergenza Covid, giudizio ribadito da Cerved Rating Agency, che sulla base dei risultati di esercizio ha confermato all’azienda il rating A.3.1, definendola cioè un’azienda con fondamentali solidi e una elevata capacità di far fronte agli impegni finanziari con rischio di credito basso”, è il commento di Marco Lombardi, ceo della società. Il margine operativo lordo (ebitda), contrariamente a ciò che è accaduto a livello mondiale, ha avuto un sostanziale miglioramento attestandosi a 12,54 milioni di euro contro i 10,44 milioni registrati nel 2019. Di particolare interesse poi per i potenziali investitori è sicuramente il valore dell’Ebitda Margin (ebitda/Valore della Produzione) che si attesta al 14,21% con un incremento di ben 2,47 punti percentuali rispetto al 2019 (11,74%). L’utile netto si attesta, quindi, a 5,78 milioni di euro con un incremento di circa 1 milione rispetto all’esercizio precedente.

Sotto il profilo finanziario e patrimoniale, Proger spa, evidenzia un ottimo rapporto tra Posizione finanziaria Netta (Pfn) ed ebitda, sia in valore assoluto che rispetto al settore di appartenenza; l’indice de quo, pari a 1,99 rispetto al 2,60 del 2019, sintetizza, stante il margine operativo realizzato, la capacità di restituzione del debito bancario in un lasso temporale contenuto e comunque di gran lunga inferiore rispetto a quello effettivamente contrattualizzato.

Degno di nota, infine, è il “book value” di Proger (Patrimonio netto societario) che risulta in deciso incremento attestandosi a 49,136 milioni di euro rispetto ai 43,681 del 2019. I risultati positivi del 2020, nonostante Covid-19, sono riconducibili alle performance delle principali linee di business di Proger e più precisamente: Multidisciplinary Engineering: per il ruolo strategico assunto durante la diffusione del Covid-19, realizzando commesse legate all’ampliamento di strutture sanitarie e all’approvvigionamento di dispositivi medici specialistici.

Infrastructure: per le attività di due diligence e di direzione lavori e sorveglianza svolte per Aspi. Si evidenzia che il settore in parola è da considerare in forte espansione vista la particolare attenzione che il legislatore italiano ed europeo ha verso la manutenzione delle infrastrutture ad alto rischio (ponti, gallerie, dighe..).

Green Energy: per le attività connesse alla produzione di energia da fonti rinnovabili, di biofuel e all’efficientamento energetico di patrimoni immobiliari esistenti.

Oil & Gas: per le commesse di ingegnerizzazione e realizzazione di impianti di perforazione completamente automatizzati; il sistema “Stargate Rigs” di Proger è, infatti, “unico” sul mercato internazionale in quanto le automazioni applicate ai principali componenti dell’impianto consentono sia di effettuare la perforazione senza personale, controllando il processo da una cabina di comando ed eliminando in questo modo al 100% il rischio di infortuni gravi, che montare e smontare, con estreme facilità, l’impianto stesso velocizzando il trasporto da un giacimento all’altro con un sensibile risparmio dei costi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza