cerca CERCA
Mercoledì 08 Dicembre 2021
Aggiornato: 05:16
Temi caldi

Pronte norme rimborsi per vittime di crac bancari, ma domani il decreto non sarà in Cdm

19 aprile 2016 | 18.01
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Non approderanno in Cdm domani le attese norme per rimborsare le vittime dei crac bancari di novembre. Annunciato a più riprese dal governo, il provvedimento potrebbe avere il via libera la settimana prossima, dopo oltre cinque mesi dal decreto salva-banche che ha azzerato i risparmi degli obbligazionisti subordinati di Banca Etruria, Banca Marche, CariFerrara e CariChieti.

Ma il lavoro tecnico sulle nuove disposizioni sarebbe ultimato: a quanto apprende l'Adnkronos, le nuove norme prevedono il rimborso del 100% dei risparmiatori travolti dai fallimenti con il rafforzamento della dotazione del Fondo per gli indennizzi, che dovrebbe passare dai 100 mln previsti nella legge di Bilancio a circa 300 mln. Allo scopo di estendere la platea dei beneficiari, verrebbe fissata una soglia di reddito (probabilmente 20mila euro) al di sotto della quale il rimborso sarà automatico, mentre al di sopra di questo tetto si dovrà ricorrere agli arbitrati gestiti dall'Anac che appurerà se ci sono gli estremi per i risarcimenti. Questo schema interesserà tutti gli obbligazionisti, anche quelli con depositi sopra i 100mila euro.

Ci vorrà più tempo anche per le norme, previste dalla riforma del diritto fallimentare, per accelerare i tempi per le procedure di recupero sui crediti in sofferenza, che oggi richiedono in media 7-8 anni, contro i 15 mesi circa di Austria e Germania, con conseguenti oneri pesanti per le banche. Un intervento, questo, sollecitato da tempo dal sistema creditizio e che, a fianco al Fondo 'privato' Atlante per gestire gli aumenti e le sofferenze junior (le più rischiose) faciliterà lo smaltimento dei non performing loans. Stand-by anche per le disposizioni per la richiesta di fallimento da parte degli organismi societari di controllo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza