cerca CERCA
Domenica 17 Ottobre 2021
Aggiornato: 07:36
Temi caldi

Prostituzione: Santoro a sindaco e prefetto Roma, 5 misure da attuare subito

22 febbraio 2015 | 18.31
LETTURA: 3 minuti

Incassato giovedì scorso il consenso unanime del Consiglio municipale, il presidente del Municipio Roma IX Andrea Santoro ha scritto al sindaco Ignazio Marino e al Prefetto, Giuseppe Pecoraro, invitando Campidoglio e Prefettura ad accogliere la proposta per contenere il fenomeno della prostituzione.

"Di fronte all'istanza di sicurezza che i cittadini ragionevolmente mettono in relazione al fenomeno della prostituzione, in attesa di una legge nazionale, le Istituzioni hanno buoni margini di intervento nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti e in tempi davvero stretti. Per questo, dopo che l'accoglimento unanime della proposta da parte dei cittadini e del Consiglio municipale, ho inteso formulare una richiesta precisa al Campidoglio e alla Prefettura: accogliere e realizzare la nostra proposta per contrastare il racket, tutelare chi è vittima di tratta e sfruttamento, promuovere la sicurezza sociale e il decoro dei quartier". Così il presidente del Muncipio IX, Andrea Santoro, che nella lettera inviata oggi a Marino e Pecoraro ricorda i cinque cardini del suo progetto.

"Vietare la prostituzione, attraverso un ordinanza sindacale - scrive -, a ridosso di abitazioni, parchi, scuole e luoghi di culto; stabilire una sanzione amministrativa fino a 500 euro per chi non rispetta questo divieto; istituire nei municipi di Roma tavoli di coordinamento tra le forze dell'ordine e i gruppi municipali della Polizia Locale per pianificare un'azione efficace di controllo del territorio; attivare le “unità di strada” con operatori sociali specializzati per supportare le donne, gli uomini e le transessuali vittime di tratta o sfruttati dal racket delle bande che oggi si sono spartite il territorio; promuovere nelle scuole percorsi di educazione sentimentale per il rispetto del corpo di ogni persona".

Santoro, dunque, aggiunge: "Il “modello” articolato in questi cinque punti, è stato inviato per valutazione anche a tutti i presidenti dei Municipi di Roma mentre i comuni di Milano e Genova, interessati a replicare la proposta, nella prossima settimana hanno organizzato incontri istituzionali e dibattiti ai quali parteciperò personalmente. Se tutte le forze politiche del Municipio, dal Pd a Forza Italia, da Sel a Ncd, dalla Lista Civica Marino alla Lista Marchini, hanno votato a favore, evidentemente questo programma non è una boutade né, come è stato detto, intende favorire il racket".

"Da parte mia, da parte del Municipio IX è stato fatto tutto quanto il possibile nelle nostre competenze – si legge nella conclusione della lettera di Santoro, che sollecita Sindaco e Prefetto attraverso le parole di Mariella Gramaglia: “Pazienza e tenacia sono le qualità che deve avere un amministratore; pazienza nel comporre interessi e punti di vista, tenacia nel perseguire l'innovazione”, i cinque punti che ho proposto, se lo vorrete, possono essere adottati da subito".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza