cerca CERCA
Sabato 23 Ottobre 2021
Aggiornato: 22:59
Temi caldi

Scrittori

Proust da record, venduto all'asta archivio per oltre 1 milione di euro

01 giugno 2016 | 12.35
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Un ritratto di Marcel Proust (foto da Wikipedia)

Lettere, manoscritti, libri, disegni, fotografie e cimeli inediti: l'universo intimo di Marcel Proust (1871-1922), raccolto nell'archivio privato dello scrittore francese, è stato venduto ieri a Parigi da Sotheby's incassando la cifra totale di 1,24 milioni di euro, il doppio delle aspettative. La collezione, messa in vendita da Patricia Mante-Proust, bisnipote dell'autore della monumentale 'Alla ricerca del tempo perduto', era stimata tra 520mila e 740mila euro.

Il catalogo dell'asta proponeva 126 lotti tra autografi e altri cimeli che consentono di gettare uno sguardo intimo sulle relazioni familiari di Proust, sulla rete dei suoi amici e dei suoi amori e sul processo di scrittura creativa. Stimata 20-25mila euro, una bozza di stampa del secondo volume della 'Recherche', dal titolo 'All'ombra delle fanciulle in fiore', con numerose annotazioni e correzioni autografe di Proust, è stata aggiudicata per 111.000 euro, segnando il prezzo più alto per un singolo lotto dell'asta.

Un raro esemplare della prima edizione di 'Dalla parte di Swann' pubblicata nel 1913, proposto con una valutazione tra 20mila e 30mila euro, ha raddoppiato il prezzo finale: è stato battuto infatti a 62.500 euro. Il libro conserva un autografo di tre pagine di Proust indirizzato all'amico americano Walter Berry.

Un disegno eseguito da Marcel Proust, che raffigura la cattedrale di Amiens, eseguito tra il 1900 e il 1904, è stato venduto per 47.500 euro (era stimato 10-15.000 euro). Il disegno fu donato al pianista Reynaldo Hahn, uno dei grandi amori dello scrittore.

Tra le fotografie presenti nel catalogo d'asta, il prezzo più alto è stato stabilito da un'immagine che mostra Proust a Venezia nel 1900: è stata battuta per 17.500 euro, dieci volte la stima.

Tra le testimonianze intime e più emozionanti figurano due delle tre sole lettere conosciute che Marcel scrisse al padre, il quale ostacolò il figlio a fare della scrittura il suo mestiere, poiché non concepiva che la letteratura potesse essere un mestiere. La celebre lettera del settembre 1893 - in cui il giovane Marcel affermava di essere impegnato "seriamente" a preparare il concorso diplomatico, anche se "qualsiasi altra cosa all'infuori delle lettere e della filosofia è tempo perso" - è stata aggiudicata per 13.750 euro.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza