cerca CERCA
Sabato 23 Ottobre 2021
Aggiornato: 21:20
Temi caldi

Tv: Pupi Avati, per la prima volta affronto il tema della sacralità

03 dicembre 2015 | 14.26
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Pupi Avati (foto Infophoto)

Il 7 dicembre sarà in onda su Rai Uno il nuovo film per la tv 'Le nozze di Laura', una storia che si rifà al miracolo delle nozze di Cana del Vangelo di Giovanni. Il regista, Pupi Avati, 77 anni e una grandiosa carriera alle spalle, racconta a 'Grazia', il magazine diretto da Silvia Grilli, in edicola questa settimana, il suo rapporto con la spiritualità. "È la prima volta che affronto un tema come la sacralità. Quando la ragione ti induce ad arrenderti, per andare avanti puoi solo credere nell’impossibile. E, nel mio film, l’impossibile accade".

"Metto in discussione la mia fede ogni giorno - ha aggiunto il regista, intervistato per il settimanale da Catherine Spaak- Non solo a causa dei fatti di cronaca, ma anche osservando le vicende umane. Vengo a contatto con ingiustizie terribili, sento di persone che non hanno mai avuto nella vita un solo giorno di luce, di speranza, di felicità. Per esempio, ho un nipotino al quale è stata diagnosticata una malattia gravissima. E allora che cosa puoi fare? Devi ostinatamente pensare che sia possibile l’impossibile. Io, ora, vado in chiesa a chiedere a Dio di esistere. Questa è la mia preghiera".

E dopo la morte? "Penso che il mio io andrà in una direzione diversa dal mio corpo. Mente e corpo non sono la stessa cosa. La verità, poi, è che dentro sono ancora un ragazzino di 14 anni!".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza