cerca CERCA
Lunedì 25 Ottobre 2021
Aggiornato: 21:41
Temi caldi

Ucraina: Putin, forse problemi per clienti Ue da sospensione forniture gas

25 febbraio 2015 | 16.06
LETTURA: 2 minuti

Il presidente russo torna a fare la voce grossa e accusa Kiev di essere in sentore di genocidio per aver voluto tagliare i rifornimenti del gas alle regioni separatiste dell'est in cui vivono quattro milioni di persone

alternate text

La sospensione delle forniture di gas all'Ucraina anticipata da Mosca per i prossimi giorni "potrebbe creare alcune difficoltà" anche ai clienti europei, ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin auspicando che non si arrivi "alle misure estreme" nell'ennesima contesta sulle forniture fra Mosca e Kiev che scoppia proprio mentre in Ucraina la situazione sembra calmarsi.

"Tutto però dipende dalla disciplina finanziaria di Kiev", ha aggiunto, precisando che le esportazioni dirette alle regioni di Donetsk e Luhansk avvengono "nel quadro del contratto" sottoscritto da Russia e Ucraina. Putin ha anche accusato l'Ucraina di essere "in sentore di genocidio" per voler bloccare le forniture di gas alle regioni separatiste dell'est in cui vivono quattro milioni di persone, una accusa che Kiev nega.

In ogni caso, Gazprom la scorsa settimana ha iniziato a rifornire direttamente, con 12 miliardi di metri cubi al giorno, le regioni di Donetsk e Luhansk, una fornitura che Naftogaz ha detto di considerare illegittima. "Se l'Ucraina non effettuerà i pagamenti anticipati, Gazprom sospenderà le forniture secondo quanto previsto dal contratto", ha aggiunto Miller che oggi ha confermato, in una lettera alla sua controparte di Naftogaz Andriy Kobolev, che sono rimasti solo tre giorni di forniture di gas prepagato, precisando che non sarano effettuate esportazioni che non siano state pagate in anticipo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza