cerca CERCA
Venerdì 03 Febbraio 2023
Aggiornato: 20:51
Temi caldi

Qatar 2022, errori e lacrime: i Mondiali da dimenticare di Lukaku

02 dicembre 2022 | 11.01
LETTURA: 1 minuti

Il pugno al vetro della panchina a fine gara è la fotografia di un fallimento

alternate text
Romelu Lukaku - (Fotogramma)

Il pugno al vetro della panchina a fine gara, le lacrime. Può essere riassunta così la rabbia e l'amarezza di Romelu Lukaku, attaccante dell'Inter e del Belgio, dopo la clamorosa eliminazione nella fase a gironi di Qatar 2022 coi 'diavoli rossi' che chiudono terzi il girone F alle spalle di Marocco e Croazia dopo lo 0-0 contro i vice-campioni del mondo.

Una partita piena di rimpianti per 'Big Rom' contro la Croazia, il 29enne è stato gettato nella mischia dal tecnico Roberto Martinez a inizio ripresa per sbloccare la gara che nella prima frazione di gioco aveva visto i belgi sprecare diverse occasioni da gol. E con Lukaku il copione non è cambiato evidenziando troppi errori sotto porta: il primo un colpo di testa bloccato dal portiere, al 60' un palo centrato da buona posizione; clamoroso l'errore poco dopo su un cross di De Bruyne di testa, e al 90' l'incredibile deviazione a lato con un goffo controllo nell'area piccola.

Lukaku chiude il mondiale a 0 gol con il Belgio che lascia la competizione, dopo il terzio posto a Russia 2018, con tanti rimpianti: inutile il successo di misura col Canada, decisiva è stata la sconfitta 2-0 contro il Marocco. 'Big Rom', 104 presenze e 68 reti realizzate in Nazionale, cercherà ora il riscatto in campionato con l'Inter dopo un inizio tormentato da problemi fisici, fin qui Lukaku ha collezionato 4 presenze e un solo gol.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza