cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 00:50
Temi caldi

Quirinale, ancora dubbi ma cresce fronte pro Draghi in M5S

20 gennaio 2022 | 14.51
LETTURA: 1 minuti

Anche Fico non chiude. Ancora nessuna linea comune dopo cabina di regia di ieri sera

alternate text
(Fotogramma)

Ancora nessuna linea comune dopo la cabina di regia di ieri sera del Movimento 5 Stelle sul Quirinale. Rimane il nodo sul Capo dello Stato da sciogliere, e, dopo le parole di ieri del presidente M5S Giuseppe Conte sul premier -un no poi trasformatosi in un nì, 'nessun veto su di lui'- e l’apertura di Luigi Di Maio 'va preservato da tatticismi politici', nella riunione di ieri sera anche il presidente della Camera Roberto Fico, presente all'incontro, a quanto apprende l'Adnkronos avrebbe espresso la volontà di “non chiudere a Draghi”. Anche perché in molti nei 5 stelle sono convinti che "tutto ancora possa accadere", un concetto espresso da diversi big presenti. Proprio Fico, tra l'altro, martedì scorso ha avuto a Montecitorio un incontro di un'ora con il presidente del Consiglio.

Il Movimento continua a non far nessun nome, aspettando le mosse del centrodestra, ma non è passata inosservata la dichiarazione di questa mattina del vice presidente pentastellato Michele Gubitosa a Tpi che ha detto: “Draghi è un uomo di assoluto spessore che potrebbe essere un ottimo Presidente”, aggiungendo poi “però averlo a Palazzo Chigi è una garanzia per la tenuta del governo e per i progetti del Pnrr". Insomma un Movimento che non chiude del tutto a Draghi ma non si sbilancia ancora.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza