cerca CERCA
Domenica 29 Maggio 2022
Aggiornato: 00:31
Temi caldi

Quirinale, Borghi (Pd): "A vertice no M5S su Draghi al Colle? Premier risorsa da tutelare"

19 gennaio 2022 | 13.29
LETTURA: 1 minuti

"Oggi la notizia è l'unità di intenti tra 3 gruppi che insieme equivalgono a centrodestra. Nessuno ha la golden share, serve soluzione condivisa"

alternate text

"La notizia di oggi è che c'è un'unità di intenti da parte di tre gruppi che rappresentano una parte molto rilevante del Parlamento, sostanzialmente equivalente al centrodestra e questo conferma l'esigenza di una soluzione condivisa". Così Enrico Borghi, deputato Pd lettiano, all'Adnkronos sull'incontro di stamattina tra Enrico Letta, Giuseppe Conte e Roberto Speranza.

Ma a quanto si riferisce, Conte ha stoppato ogni ipotesi di Mario Draghi al Colle, anche su questo c'è unità di intenti? "Nomi non se ne sono fatti perchè i nomi saranno oggetto del lavoro delle delegazioni. Noi abbiamo chiarito più volte che Draghi è un valore aggiunto per il Paese e serve un percorso che comunque tuteli una risorsa importante per il Paese".

Borghi, lei dice che Pd, M5S e Leu insieme equivalgono al centrodestra. Ma era il centrodestra ad avere i numeri? "I numeri sono ballerini... Possiamo dire che sostanzialmente centrodestra e centrosinistra, anche dopo l'elezione dei delegati regionali, si avvicinano molto. Poi, a seconda di dove si collocheranno i parlamentari del gruppo Misto, si può dire quale schieramento prevale sull'altro ma è evidente che questo è un Parlamento di minoranze, nessuno ha la golden share e questo conferma l'esigenza di una soluzione condivisa. Direi che sarebbe opportuno abbandonare la logica del kingmaker per quella dell'intelligenza collettiva...".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza