cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 17:49
Temi caldi

Quirinale, Conte: "Sul nome ampia discussione nel M5S"

26 ottobre 2021 | 16.55
LETTURA: 2 minuti

Il presidente del Movimento: "Con Letta non sono stati fatti nomi. Non possiamo escludere neppure un passaggio in rete"

alternate text

In Parlamento, all'interno dei gruppi pentastellati, si guarda con attenzione (ma anche con apprensione) alla partita per il Quirinale: tema che sarebbe stato affrontato dai leader di Pd e M5S, Enrico Letta e Giuseppe Conte, durante il pranzo di ieri in un ristorante nel centro di Roma. Nel Movimento c'è qualche voce che parla di "caminetti tra pochi intimi", chiedendo a gran voce il coinvolgimento dei gruppi parlamentari. Ma il presidente del M5S, intercettato dall'Adnkronos, assicura che sul Quirinale non ci sarà nessuna fuga in avanti. "Sul nome del prossimo Presidente della Repubblica - rimarca Conte - ci deve essere ampia discussione interna. E non possiamo escludere neppure un passaggio in rete", annuncia.

Leggi anche

"Ovviamente - precisa l'avvocato - questo passaggio non potrà avvenire come in passato, quando dall'opposizione il Movimento elaborava una lista di nomi per suo proprio conto. Dovremo valutare candidati su cui ci sia una possibile convergenza degli altri partiti. E' chiaro che è necessaria prima una sinergia tra i vari partiti su un determinato nome, e solo a quel punto ci può essere un voto online". Secondo indiscrezioni di stampa, il M5S avrebbe posto il veto sul nome di Paolo Gentiloni, attuale commissario Ue agli Affari economici. "Ieri con Letta non sono stati fatti nomi", ribatte Conte all'Adnkronos. 

Il faccia a faccia tra Letta e Conte è durato circa due ore, in un clima descritto come positivo e cordiale. Lo stesso Conte, alla troupe del Tg3 che li aveva sorpresi a pranzo, ieri ha spiegato che l'incontro con il leader dem era stato occasione per un confronto su manovra e politiche post Covid. Nel 'menù' del pranzo ci sarebbe stata anche una valutazione sulle ultime amministrative.

La trattativa per il Colle si intreccia, in casa M5S, anche con la spinosa questione dell'elezione del nuovo capogruppo 5 Stelle a Montecitorio. E' stato lo stesso Conte, in occasione dell'ultima assemblea congiunta del 21 ottobre, a sollevare il tema dopo le polemiche che avevano infiammato il dibattito interno nei giorni precedenti: la scadenza del direttivo alla Camera guidato da Davide Crippa, ha spiegato l'ex premier, "veniva a coincidere con la procedura di elezione del Presidente della Repubblica. Avevo chiesto, per ragioni di esclusiva funzionalità, che questa scadenza potesse essere anticipata, quindi il direttivo della Camera ci è venuto incontro e di questo dobbiamo ringraziarli". L'elezione del nuovo capogruppo è prevista per dicembre.

(di Antonio Atte)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza