cerca CERCA
Lunedì 29 Novembre 2021
Aggiornato: 19:51
Temi caldi

Ragazza violentata in un parcheggio, arrestato a Roma nigeriano incastrato da identikit

13 aprile 2016 | 08.05
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(FOTOGRAMMA)

E' stato arrestato il presunto responsabile della violenza sessuale a una ragazza, avvenuta la sera del 30 marzo scorso in un parcheggio pubblico di via della Pineta Sacchetti a Roma. Si tratta di un nigeriano di 30 anni che è stato fermato l’altra sera, in via della Giuliana, da un carabiniere libero dal servizio del Nucleo operativo della compagnia Trionfale che lo aveva riconosciuto dall’identikit diffuso all’indomani dell'accaduto.

Il militare dell’Arma lo ha visto passare e lo ha riconosciuto. Nonostante si trovasse in compagnia della fidanzata, lo ha bloccato, dando l’allarme ai colleghi, che sono intervenuti sul posto. La collaborazione della vittima nel fornire una dettagliata descrizione dell’autore della violenza aveva infatti consentito ai carabinieri della VII sezione rilievi tecnici del Nucleo investigativo di via In Selci di elaborare "un preciso identikit - fanno sapere i carabinieri - che coincide praticamente con la foto del fermato".

Nella caserma della compagnia Trionfale, in via Ildebrando Goiran, è stata convocata la vittima che al termine di una individuazione fotografica ha riconosciuto l'uomo. Per il nigeriano è scattato il fermo di polizia giudiziaria e l'uomo è stato portato nel carcere di Regina Coeli.

Il fermo del 30enne, già convalidato dal gip del Tribunale di Roma, è stato l’epilogo di un’assidua attività di indagine dal momento della denuncia della donna: condotta una vera e propria attività “porta a porta”, mostrando a residenti e commercianti della zona dove era avvenuta la violenza l’identikit dell'aggressore. Sono state visionate le registrazioni di tutte le telecamere presenti in zona, incluse quelle lungo il perimetro del Policlinico Gemelli.

Le indagini del Nucleo operativo della compagnia Roma Trionfale proseguono perché il riconoscimento certo da parte della vittima venga ancor più confortato dalla prova scientifica: per questo sono in corso ulteriori accertamenti. Il nigeriano fermato, già nell’agosto del 2009 era stato arrestato dai carabinieri a Cave dopo aver tentato di abusare di una bimba di 7 anni, figlia di una coppia di connazionali che gli aveva dato ospitalità.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza