cerca CERCA
Martedì 17 Maggio 2022
Aggiornato: 19:48
Temi caldi

"Ragazzi, doniamo il midollo". Il lato buono del cattivo di Suburra

27 marzo 2019 | 19.21
LETTURA: 6 minuti

alternate text
L'attore 28enne Giacomo Ferrara, alias Spadino della serie tv Suburra, in campo per Admo - ADMO

"Mi è stato proposto di prestare il mio volto e di impegnarmi" per far arrivare ai ragazzi tra i 18 e i 35 anni un messaggio speciale: "Diventate donatori di midollo osseo". A chiederlo è un 28enne che ha deciso di "mettersi in gioco in prima persona". Eccolo il lato buono del cattivo di Suburra: Spadino nella serie tv Netflix, Giacomo Ferrara testimonial per Admo (Associazione donatori midollo osseo) nella vita reale. "Quello è un personaggio. Io sono assolutamente un bravo ragazzo", sorride.

L'avventura con Admo nasce così: "Mi sono documentato ed è stato allora che ho capito la necessità e l'importanza di questo gesto - racconta all'AdnKronos Salute oggi in occasione di un incontro promosso dall'associazione a Milano - Quindi ho voluto sposare la causa". Admo parla ai giovani, è loro che cerca: "Bisogna coinvolgerli, e se posso sfruttare questo mio momento e questa mia immagine per arrivare ai ragazzi, perché non farlo?", ragiona Ferrara. Lui sarà il primo a dare l'esempio: a domanda precisa risponde che "sì", si farà 'tipizzare'. E probabilmente già oggi, ma a riflettori spenti. A convincerlo non l'esperienza di qualcuno a lui vicino. Solo il cuore. "Una necessità umana, è stata questa la spinta - dice - Se madre natura mi ha dato la salute, se posso dare una mano a pazienti che per una gran parte peraltro sono bambini, io voglio donare".

Per tipizzarsi basta una goccia di sangue o di saliva, ma è un passo importante perché con le informazioni così ricavate il proprio profilo è a disposizione, pronto per essere incrociato con quello di un paziente in attesa di un dono salvavita. L'iscrizione al Registro italiano donatori fa sì che si entri in una banca dati mondiale. E da allora c'è solo da aspettare. "Solo una persona su 100 mila" è il 'tipo giusto' per chi ha lanciato il suo Sos, per chi è appeso a una speranza. E' come aspettare 'l'anima gemella'. Qui però si cerca "un 'fratello genetico'", spiega la presidente di Admo, Rita Malavolta. Comunque sempre la 'metà di una mela'. "Ogni anno questa ricerca viene avviata per circa 1.800-2.000 persone. Ma c'è ancora un 20% di pazienti che non trova" il cosiddetto tipo giusto. "E' per loro che stiamo lavorando", sottolinea Malavolta. "E quindi più siamo e meglio è", ribadisce Ferrara.

Il giovane attore promette: "Cercherò di parlare e di spiegare ai miei coetanei tutto quello che c'è da sapere. Nei giorni scorsi mi è capitato e, veramente, basta dare le informazioni corrette e i ragazzi rispondono: 'Lo voglio fare anch'io'. Su questo tema in realtà c'è molta ignoranza. Molti non sono a conoscenza neanche di come si fa a diventare donatori, c'è la convinzione diffusa che la procedura di prelievo sia invasiva. In realtà quella oggi più utilizzata lo è molto meno di quanto si immagini".

Come funziona nel dettaglio lo spiega il biotecnologo Raffaele Aloe: "Il midollo osseo è costituito da cellule staminali emopoietiche, importantissime perché da queste cellule progenitrici nascono gli elementi del sangue, globuli rossi e bianchi, e piastrine. Ci sono due modalità per donare. La classica è il prelievo direttamente dalla sede naturale, dalle creste iliache, procedura che si fa in anestesia (totale o epidurale) praticando dei forellini all'altezza del bacino e aspirando il sangue midollare. Al risveglio si potrà sentire un po' di dolore (alcuni lo paragonano ai postumi di una banale caduta). Di solito il donatore viene ricoverato la sera prima, il giorno dopo fa l'intervento di circa 45 minuti e poi viene tenuto in osservazione". La seconda modalità, prosegue Aloe, "viene negli ultimi anni molto più utilizzata ed è il prelievo tramite aferesi direttamente dal sangue periferico, dove c'è però una concentrazione molto più bassa di queste staminali, quindi bisogna stimolarle a uscire dalle ossa ed entrare in circolo, somministrando al donatore 4-5 giorni prima un fattore di crescita. Il giorno della donazione al centro trasfusionale si viene collegati a un separatore cellulare, con due accessi venosi: da un braccio il sangue entra nel macchinario che estrae le staminali, poi il resto del sangue viene reinfuso nell'altro braccio. Ci vogliono circa 3-4 ore, a ciclo continuo, e si può vedere la sacchetta riempirsi piano piano".

"Penso sia giusto mettersi a disposizione - osserva Ferrara - Io do il mio piccolo contributo per far circolare l'appello". L'attore dice di preferire "messaggi semplici e concreti. Sono fatto così - spiega - Sono cresciuto in mezzo alla natura. La mia famiglia ha un hotel in montagna, in Abruzzo, provincia di Chieti. Sento l'esigenza di tornare all'umanità. Non riesco a interessarmi per esempio alla politica. So che è un errore, ma lì oggi il discorso umano viene meno. E io mi trovo in contrasto con queste idee contro l'essere umano. Cerco empatia e non credo alle persone che dicono di voler rimanere da sole". Questa esigenza lo guida anche nei suoi progetti per il futuro. "Mi piacerebbe tornare a fare un po' di teatro - dice - Sto leggendo un po' di testi. Non ho più avuto il tempo di farlo, ma credo sia una delle cose più belle. Creare un contatto".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza