cerca CERCA
Lunedì 14 Giugno 2021
Aggiornato: 10:17
Temi caldi

Calcio: Ranocchia sfida il Milan, i derby non vanno giocati ma vinti

16 aprile 2015 | 15.19
LETTURA: 3 minuti

Il capitano nerazzurro fiducioso alla vigilia della stracittadina: "Dobbiamo regalare una gioia ai tifosi dopo un cammino un po' turbolento e la sfida con il Milan è sempre una buona occasione per regalare emozioni positive. Abbiamo rispetto dei rossoneri ma nessuna paura"

alternate text
Andrea Ranocchia (Infophoto) - INFOPHOTO

"Siamo fiduciosi, abbiamo lavorato bene. Il successo di Verona è stato fondamentale per arrivare al derby con ottimismo e voglia di vincere, perché i derby non vanno giocati ma vinti". Il capitano dell'Inter, Andrea Ranocchia sfida il Milan a tre giorni dal derby della Madonnina, una stracittadina sotto tono con i rossoneri noni a 42 punti e i nerazzurri decimi a una lunghezza.

"Il derby in casa è sempre un'emozione per tutti -sottolinea il 27enne difensore in conferenza stampa-. Dobbiamo regalare una gioia ai tifosi dopo un cammino un po' turbolento e la stracittadina è sempre una buona occasione per regalare emozioni positive. Non dico che può risollevare l'annata, ma sicuramente vincere un derby in una stagione è qualcosa di speciale. Abbiamo rispetto del Milan ma nessuna paura".

Il capitano nerazzurro nutre ancora qualche speranza per la qualificazione europea: "Finché non c'è la matematica dobbiamo credere all'Europa, il mister ce lo trasmette ogni giorno e speriamo di continuare come a Verona. L'ex giocatore del Bari è stato al centro di numerose critiche in questi anni con la maglia nerazzurra: "Sono il capitano dell'Inter e le critiche fanno parte del mio lavoro. Sono maturato, da anni sono qui e quando le cose non vanno bene ci sta che il capitano subisca certe situazioni. Ma, come ho dimostrato, mi aiutano a maturare".

Ranocchia si mostra ottimista sulle possibilità dell'Inter di tornare a competere per vincere: "Quello che ci manca lo sanno il mister e la società ma sono convinto che lavorando dall'inizio del ritiro il mister farà di tutto per riportare la squadra dove merita". L'attacco rossonero punterà sulla velocità senza una punta centrale di ruolo. "Dipende dall'atteggiamento della squadra, la solidità non la danno solo i difensori -evidenza il difensore dell'Inter-. I problemi ci saranno se avremo l'atteggiamento mostrato col Parma, è quello che fa la differenza in un derby. Dovremo avere quello mostrato contro il Verona, nei 90 minuti vince chi è più bravo".L'ultima battuta sulle parole del vice-presidente, Javier Zanetti, che lo ha indicato come capitano del futuro: "Ringrazio Pupi, scherzo con lui tutti i giorni, mi ha lasciato una bella eredità. Ho imparato tanto da lui, il primo anno da capitano non può essere facile. Ma da inizio anno a oggi sono cresciuto molto e continuerò a farlo ancora per tanti anni. Mi dovrete sopportare ancora un po'", conclude Ranocchia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza