cerca CERCA
Lunedì 05 Dicembre 2022
Aggiornato: 21:18
Temi caldi

Rapina cartoleria, tradito dal naso grosso

03 febbraio 2019 | 08.44
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Con il volto parzialmente coperto da uno scaldacollo e armato di coltello, è entrato all’interno di una cartolibreria di Correggio (Reggio Emilia) e, sotto la minaccia dell’arma, dopo aver detto con fare intimidatorio alla commessa "questa è una rapina, sono appena uscito di galera, dammi tutti i soldi…non ti preoccupare non ti succede niente…dammi tutti i soldi", si è impossessato dei 500 euro contenuti nella cassa e si è dileguato. I carabinieri della stazione di Correggio hanno identificato ed arrestato l’autore della rapina, compiuta la sera dello scorso 19 gennaio, all'uomo si arrivati anche grazie alle dimensioni del suo naso, evidenti nonostante il volto del malvivente fosse coperto.

Le risultanze investigative, condivise dalla Procura reggiana, hanno visto quest’ultima richiedere ed ottenere dal Gip del tribunale di Reggio Emilia un’ordinanza di custodia cautelare a carico di un pregiudicato salernitano 33enne residente a San Martino in Rio ora ristretto in regime di arresti domiciliari a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. La sera della rapina, poco dopo le 18, l’allarme ai carabinieri correggesi è giunto dalla stessa commessa che in preda al panico allertava i militari che avviavano le ricerche del bandito riuscito a dileguarsi. Grazie al sistema di videosorveglianza i militari catturavano le immagini del malvivente, con il volto travisato, e in particolare degli abiti che indossava.

Alcuni particolari quali l’andatura e il naso particolarmente sporgente dallo scaldacollo usato per coprirsi il volto indirizzavano le attenzioni investigative verso l’odierno indagato a carico del quale i carabinieri acquisivano incontrovertibili elementi di responsabilità in ordine al reato di rapina aggravata. A carico dell’uomo anche l’accusa dell’inosservanza al foglio di via obbligatorio avendo trasgredito al divieto di far ritorno nel comune di Correggio, comminatogli con un provvedimento del 22 novembre 2018.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza