cerca CERCA
Martedì 27 Settembre 2022
Aggiornato: 20:31
Temi caldi

Rapina e poi botte a 16enne, individuata gang di ragazzi

20 agosto 2020 | 12.41
LETTURA: 1 minuti

A febbraio scorso tentò di opporsi alla rapina subita da un ragazzo che si trovava con lui in piazza Santi Pietro e Paolo, all'Eur, Roma. Tre mesi più tardi, il 22 maggio scorso, il 16enne venne avvicinato dallo stesso ragazzo e picchiato dal gruppo

alternate text
Fotogramma

A febbraio scorso tentò di opporsi alla rapina subita da un ragazzo che si trovava con lui in piazza Santi Pietro e Paolo, all'Eur. Tre mesi più tardi, il 22 maggio scorso, il 16enne venne avvicinato dallo stesso ragazzo conosciuto con il nome di Rachid, che aveva strappato la collanina all'amico. In compagnia della fidanzata e di altri amici, al laghetto dell’Eur, venne convinto a seguire il rapinatore, venuto insieme ad altri tre, colpito violentemente al volto con un pugno, picchiato dagli altri "sodali" della banda. Le lesioni riportate in quell'occasione vennero giudicate guaribili in 50 giorni di prognosi.

Quando la vittima si è presentata al commissariato di Esposizione, gli investigatori diretti da Pasquale Fiocco da subito si sono messi sulle tracce degli autori dell’aggressione. L’attività di indagine ha consentito di individuare la gang e identificare così i 4 ritenuti responsabili dell’aggressione. Oltre al 19enne libico anche 3 minorenni, uno di questi oggi maggiorenne.

Il Gip presso il Tribunale per i Minorenni ha emesso nei confronti dei 3 minorenni un'ordinanza di collocamento in comunità eseguita martedì scorso a carico di 2 dei tre soggetti destinatari del provvedimento. Si ricerca il terzo al momento irreperibile. Per quanto riguarda Rachid, unico maggiorenne all’epoca dei fatti, si è in attesa di determinazioni da parte dell’Autorità Giudiziaria Ordinaria, alla quale, nel giugno scorso, sono state inviate le risultanze investigative.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza