cerca CERCA
Venerdì 07 Ottobre 2022
Aggiornato: 17:43
Temi caldi

Usa: relatore Onu, Washington obbligata a perseguire responsabili torture

10 dicembre 2014 | 14.42
LETTURA: 3 minuti

Per Ben Emmerson la legge internazionale impone all'attorney general americano di intervenire. Anche Amnesty chiede che vengano portati di fronte alla giustizia gli agenti responsabili delle torture ed i funzionari che le hanno autorizzate. L'ex vice presidente Cheney considera il rapporto "un mucchio di sciocchezze". La mappa dei Paesi che ospitavano le prigioni segrete della Cia

alternate text
Dick Cheney (Foto Infophoto)

Dopo la pubblicazione del rapporto del Senato sulle torture della Cia "gli Stati Uniti sono obbligati dalla legge a portare i responsabili di fronte alla legge". E' quanto ha dichiarato relatore speciale delle Nazioni Uniti per i diritti umani e la lotta al terrorismo, Ben Emmerson, secondo il quale "l'attorney general americano ha l'obbligo legale" di intervenire.

Leggi anche

Secondo Emmerson il rapporto del Senato mostra infatti come "vi fosse una chiara politica orchestrata ad alto livello all'interno dell'amministrazione Bush che permetteva di commettere crimini sistematici ed enormi violazioni delle leggi internazionali dei diritti umani". "Gli individui responsabili di questo complotto criminale - ha poi aggiunto - devono essere portati davanti alla giustizia e fronteggiare pene commensurate alla gravità dei loro crimini.

Anche da Amnesty International ed altre associazioni per i diritti umani arrivano richieste di avvio di procedure penali contro i responsabili delle torture. "La pubblicazione conferma ancora una volta in modo cristallino che il governo americano ha fatto ricorso alle torture", ha dichiarato Steven Hawkins, direttore esecutivo di Amnesty Usa. "Sulla base della convenzione Onu contro la tortura non si può invocare nessuna circostanza che possa giustificarla - ha poi aggiunto - così chi ha torturato e chi ha autorizzato a farlo devono essere messi sotto inchiesta".

"Il fatto che le prassi rivelate in questo rapporto siano state autorizzate ad alto livello da parte del governo americano, non fornisce alcuna scusa. Anzi rafforza la necessità di un'azione penale", ha detto ancora Emmerson con cui chiaro riferimento ai vertici della passata amministrazione Bush. Non a caso ancora prima della pubblicazione del rapporto l'ex vice presidente Dick Cheney, considerato il vero architetto della guerra al terrorismo dell'amministrazione Bush, ha difeso il programma come "assolutamente, totalmente giustificato", bollando le rivelazioni del rapporto un mucchio di "fesserie".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza