cerca CERCA
Martedì 28 Giugno 2022
Aggiornato: 18:21
Temi caldi

Rassegna stampa: il lavoro nei quotidiani di oggi

14 luglio 2016 | 09.42
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Appena possibile, se dovesse prendere la guida operativa, metterà mano ai conti per recuperare marginalità avviando un'incisiva politica di taglio dei costi. Allo stesso tempo, però, lavorerà per ridare slancio al business sviluppando i ricavi. Così Urbano Cairo, in un colloquio con Il Sole 24 Ore, si dice pronto a prendere le redini di Rcs Mediagroup e a imprimere la necessaria svolta se l'Opas (Offerta pubblica di scambio) da lui promossa (0,18 azioni Cairo ogni titolo Rcs più 0,25 euro in contanti) prevarrà sull'Opa (1 euro a titolo) lanciata da International Media Holding.

A noi la Fondazione proprio non interessa: è un problema territoriale. A noi interessa il Salone. Un Salone che sia uno strumento del libro. tratta di un problema delicato che porrà anche un problema di location, questo però non sta a me dirlo. Dipende dagli amministratori di Torino che hanno ben presente l'argomento". Così, in un'intervista a 'La Stampa', Federico Motta, presidente dell'Associazione Italiana Editori.

"Non ho competenze sui Trasporti. Ma la Regione Puglia in questi anni ha fatto un lavoro straordinario sulle infrastrutture, grazie ai fondi europei. A Bari abbiamo due metro nuovissime, una per il quartiere di San Paolo e una per l'aeroporto. Siamo la prima città italiana dove la metro per l' aeroporto non fa la navetta ma lo raggiunge con il passante ferroviario e prosegue verso Nord. Entrambe le metro sono gestite da Ferrotranviaria che è considerata tra le più innovative del settore". Così, in un'intervista a 'l'Unità' Antonio Decaro, sindaco di Bari.

"Al di là del protocollo di sicurezza in uso, che può essere di Blocco Manuale, Blocco Automatico, o Sistema di Controllo della Marcia Treno, la stazione di arrivo concede il via libera alla stazione di partenza, che richiede il consenso a far partire un treno, solo una volta che il precedente convoglio è giunto in stazione e ha quindi liberato la tratta. Ciò che differisce è la tecnologia di comunicazione e di monitoraggio adottata dai tre diversi sistemi che gestiscono il traffico ferroviario. Ma nessun sistema di regolazione fornisce la certezza assoluta che non possano esserci impatti". Così, in un'intervista a 'Il Mattino', Guido Gentile, docente di Ingegneria dei trasporti alla Sapienza di Roma.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza