cerca CERCA
Mercoledì 27 Ottobre 2021
Aggiornato: 09:38
Temi caldi

Rassegna stampa: il lavoro nei quotidiani di oggi

26 febbraio 2018 | 10.33
LETTURA: 6 minuti

alternate text

Al centro dei giornali in edicola oggi i temi della campagna elettorale. In un'intervista alla 'Stampa', Matteo Renzi, segretario del Pd, parla della flat tax: "Berlusconi la propone ogni cinque anni, è un’idea credibile come Babbo Natale. Noi abbiamo lavorato sull’articolo 18, l’Irap costo del lavoro, Industria 4.0: la concretezza del lavoro fatto in questi anni a mio giudizio meriterebbe un riconoscimento diverso. La nostra esperienza di governo ha dalla sua i fatti".

A 'Qn', il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dichiara: "La garanzia sta proprio nel fatto che il regime fiscale, e in generale la politica del governo, sarà favorevole agli investimenti. Quindi, oltre a un fisco vantaggioso, offriremo meno burocrazia, più infrastrutture, una giustizia che funziona. Noi però siamo più ambiziosi, non vogliamo solo trattenere i capitali italiani, vogliamo attirare gli investitori stranieri, convincendoli a credere nella convenienza del sistema Italia".

'Il Fatto quotidiano' intervista l'esponente del M5S, Alessandro Di Battista, che dice: "La gente che viene nelle piazze chiede lavoro, soluzioni. Non vuole parlare di fascismo o antifascismo, come succede nei salotti tv”.

A 'Repubblica', Fabrizio Barca, economista, ex ministro della Coesione sociale per il governo Monti, avverte: "La situazione ha cominciato a peggiorare dagli inizi degli anni ’80, la forbice della ricchezza, come dimostrano gli indici macroeconomici, si è allargata sempre di più, e la crisi ha accelerato il processo già in atto. Così ora abbiamo disuguaglianze di reddito, ma anche di accesso ai servizi: perfino l’aspettativa di vita dipende dal quartiere in cui vivi. E c’è la disuguaglianza di chi ha la sensazione di essere fuori dalla storia, di chi vive nelle aree rurali, nelle periferie".

In un'intervista alla 'Stampa': Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Anci, afferma: "In primo luogo serve un incremento economico, poi procedure semplificate e coordinate, e infine l’applicazione della seconda fase. E cioè quella della formazione e del tirocinio formativo. Quest’ultimo aspetto è fondamentale perché permette a molte persone di affrancarsi dai servizi del comune. I tirocini sono un modo per fare incontrare domanda e offerta, attraverso corsi professionalizzanti che fanno imparare mestieri: è una parte che al Rei oggi manca. A Bari abbiamo iniziato da alcuni anni a fare questo lavoro".

'Italia Oggi' intervista il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, sulla procedura di allerta, prevista dalla legge di riforma fallimentare: "Vogliamo rendere obbligatoria la nomina dell’organo di controllo, anche monocratico, nelle società a responsabilità limitata che abbiano determinati requisiti dimensionali. È un intervento coerente con l’introduzione di misure di anticipata emersione della crisi. Ove la società non si adegui, l’organo di controllo sarà nominato dal tribunale, su richiesta di qualsiasi interessato, anche del conservatore del registro delle imprese".

'Qn' intervista Giuseppe Berta, studioso di Storia dell’economia e docente alla Bocconi: "La verità è che l’Italia non può contare su produzioni a bassa tecnologia come quella dell’Embraco. Ci sarà sempre qualcuno che può portarci via queste attività. Arriviamo ad affrontare tardi una transizione epocale. Ora tutti parlano della polarizzazione tra imprese che corrono nei mercati internazionali e le altre. Questo divario è destinato a pesare rispetto alle localizzazioni delle multinazionali straniere. Non appena cambia il loro sistema di convenienza si orientano verso la Slovacchia o il Bangladesh, a seconda dell’interesse".

Sul fronte dei mercati, la 'Stampa' interpella Manuel Pozzi, M&G Investments: "La volatilità sembra tornata per due ragioni: la crescita economica in miglioramento spinge al rialzo le attese sui tassi; inoltre le valutazioni di alcuni mercati sono diventate ormai care. In questo contesto un approccio selettivo è fondamentale per evitare i mercati più costosi come la maggior parte dei titoli di Stato tradizionali, e preferire quelli con valutazioni e prospettive di rendimento migliori".

Ad 'Affari e Finanza' di 'Repubblica', Peter Botoucharov, emerging market credit analyst della società di asset management, spiega: "Comincerei dallo scenario macro, caratterizzato da una crescita globale solida e sincronizzata, anche se non priva di rischi, soprattutto sul fronte geopolitico. Di certo non si vedono crisi sistemiche all’orizzonte e la liquidità resta abbondante sui mercati finanziari".

A 'L'Economia' del 'Corriere della sera', Parla Stefano Barrese, responsabile della Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo, annuncia: "Come Banca dei Territori vogliamo dare grande impulso alla crescita nel campo della banca assicurazione. I nostri clienti devono trovare in noi non solo i gestori del loro patrimonio ma anche i consulenti in grado di proteggere il patrimonio. Da qui la proposta di considerare la banca come partner assicurativo, anche nel ramo Danni".

Con 'Affari e Finanza' di 'Repubblica' parla il ceo di Vodafone, Vittorio Colao: "La possibilità di cambiare relativamente in fretta c’è. Se prendiamo l’esempio italiano, devo dire che è quasi più facile per i sindaci provare a cambiare che non per i governi centrali. E’ più facile parlare con qualcuno che ha un problema localizzato. In Inghilterra lavoriamo con alcune unità sanitarie locali su soluzioni di telemedicina. Parliamo di avere meno macchine? Bene, allora è più facile che accada su un territorio come Milano che nella totalità del Paese".

Sul fronte agricolo, la 'Stampa' intervista Stefano Dozio, direttore generale della Cooperativa produttori bieticoli (Coprob): "Abbiamo fatto leva sulla base sociale che da sempre è il nostro punto di forza. Si spiega così perché negli ultimi dieci anni abbiamo investito 180 milioni per rinnovare i nostri impianti produttivi. Questo ci permette di valorizzare pienamente la produzione nazionale come garanzia di continuità di approvvigionamento per l’industria agroalimentare ma anche di certificazione sotto il profilo qualitativo e ambientale".

Su fronte delle professioni, ad 'Affari e Finanza' di 'Repubblica' Raffaele Iandolo, nuovo presidente della commissione Albo odontoiatri in seno alla Fnomceo (la federazione degli ordini dei medici), dichiara: "Noi abbiamo delle proposte di odontoiatria sociale, quelle cioè che consentirebbero anche agli strati meno abbienti di avere le cure dentali, ma è evidente che anche le strutture pubbliche debbano metterci qualcosa".

L'inserto 'Affari e Finanza' di 'Repubblica' intervista Maurice Turrettini, presidente del Salone dell'auto di Ginevra: "Innovare è fondamentale e occorre seguire l’evoluzione del settore. Il fenomeno del Ces di Las Vegas e delle altre manifestazioni dedicate alla tecnologia, dove le auto sono sempre più presenti, è un trend che teniamo in grande considerazione. Per questo motivo abbiamo avviato un accordo di partnership con l’Ifa (la mostra europea dedicata alle nuove tecnologie) e la Fiera di Berlino per la creazione di una manifestazione che metta assieme il mondo dell’auto e dell’elettronica, la guida autonoma e il futuro della mobilità. In pratica creare il contraltare europeo alla kermesse americana".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza