cerca CERCA
Venerdì 27 Maggio 2022
Aggiornato: 14:55
Temi caldi

Rassegna stampa: il lavoro nei quotidiani di oggi

05 maggio 2015 | 09.41
LETTURA: 4 minuti

Linda Lanzillotta, vicepresidente del Senato: "Massimo rispetto per la Corte costituzionale, ma in questa sentenza c'è uno scarso bilanciamento del principio di equità"

alternate text

"Massimo rispetto per la Corte costituzionale, ma in questa sentenza c' è uno scarso bilanciamento del principio di equità sottolineato dalla stessa Corte. Prevale la tutela del potere di acquisto delle pensioni più basse rispetto all'altro principio fondamentale dell'equilibrio del bilancio e della sostenibilità del debito garantito dal nuovo articolo 81 della Costituzione, che dà forza a quelli che sono i nostri accordi in sede europea". Lo dice al 'Corriere della Sera' Linda Lanzillotta, vicepresidente del Senato, pd, criticando la decisione della Consulta di cassare il congelamento delle pensioni superiori a tre volte il minimo nel 2012-2013.

"Sui numeri abbiamo vinto noi. Adesso però pensiamo ai contenuti".Così il commissario generale dell'Expo Giuseppe Sala al 'Corriere della Sera'. "Diciamo che prima dell'inizio di Expo -prosegue- il partito degli scettici si era rafforzato. Io avevo garantito due cose: che avremmo finito e che sarebbe stata un'Expo per le famiglie. E poi abbiamo venduto 11 milioni di biglietti, il 40 per cento dei 24 milioni che ci servono per il pareggio di bilancio".

Il sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone, spiega a 'La Repubblica' che : "Assumeremo prima dell'inizio dell'anno scolastico, nei numeri e nelle funzioni annunciate. Incrementiamo dell'otto per cento gli insegnanti nelle scuole italiane, aboliamo le supplenze brevi causa di una didattica discontinua. Chiudiamo il precariato e ogni tipo di accesso all' insegnamento che non sia dettato dal merito. D' ora in avanti avremo insegnanti più formati. Aspettavamo che il sindacato ci dicesse di chiudere con il precariato, invece ha scelto di fare uno sciopero incomprensibile".

"Milano un po' come Parigi. Fatte le debite proporzioni, fortunatamente. La marcia dell'orgoglio milanese per ripulire la città, con spugne e detersivi, dopo le devastazioni dei black bloc, dietro a sindaco e assessori, mi ha ricordato l'orgogliosa manifestazione parigina a Place della Republique, dietro a capi di Stato e di Governo, dopo l' attentato terroristico a Charlie Hebdo. In tutti e due i casi i cittadini hanno sentito il bisogno di scendere in strada, con le autorità, per rifiutare la violenza". Nel salotto della sua casa milanese, Gillo Dorfles, 105 anni compiuti il mese scorso, grande critico d' arte, protagonista del panorama culturale italiano, commenta con 'La Repubblica' le "cinque giornate di Milano" dei No-Expo, che hanno fatto riscoprire la solidarietà dei cittadini contro le violenze.

Enrico Zanetti, sottosegretario all'Economia, dice ad 'Avvenire' a proposito della sentenza sulle pensioni: "L'equità non c' è. Mi spiego: due terzi dei giovani di oggi avranno una pensione che starà sotto il livello pari a tre volte la minima. Mi piacerebbe che i giudici della Consulta spiegassero a loro il significato di un sacrificio quando per i pensionati di oggi è ritenuto incostituzionale persino il doloroso, ma comunque non vitale, blocco delle indicizzazioni per chi sta 3 volte sopra la minima. Se sono preoccupati per l' entità 'modesta' delle pensioni, per coerenza i giudici dovrebbero arrivare a dichiarare incostituzionale la stessa pensione minima".

Brunello Cucinelli imprenditore parla con 'Italia Oggi' dell'Expo: "Credo che siamo davvero di fronte a un risveglio di civiltà, che è etico, spirituale, morale, civile ed economico". "Il mio non è ottimismo quanto realismo. Provo a spiegarglielo, partendo dall'etica e dalla spiritualità".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza