cerca CERCA
Lunedì 30 Gennaio 2023
Aggiornato: 23:59
Temi caldi

Rassegna stampa: il lavoro nei quotidiani di oggi

07 aprile 2016 | 10.28
LETTURA: 5 minuti

alternate text

"La Commissione Ue interverrà probabilmente nella terza settimana di maggio: per allora sono attese le sue «raccomandazioni» a ogni Paese, un giudizio sull' applicazione di quelle precedenti, e la decisione su un' eventuale procedura legale contro l' Italia per la deviazione nei conti pubblici. È tra queste due scadenze che il governo vuole inserirne una terza: un decreto in tre parti per la produttività e la competitività da approvare in Consiglio dei ministri presumibilmente all' inizio di maggio. L' obiettivo tattico è ridurre il rischio che l' Italia torni sotto accusa a Bruxelles per i suoi cronici ritardi nel risanamento e nell' assetto complessivo del sistema. Una nuova riforma può mitigare anche il giudizio negativo sul bilancio.L' obiettivo di fondo - se il premier Matteo Renzi lo conferma - è muovere un passo per rendere il Paese più in grado di competere". Lo scrive Federico Fubini sul Corriere della Sera.

Entra duro su Bruno Vespa: "È una vergogna intervistare il figlio di Riina sulla Rai". Annuncia che voterà sì al referendum sulle trivelle. Soprattutto, lancia un allarme: "La commissione Antimafia è senza strumenti, le istituzioni non possono preservare le liste dall' assalto delle mafie. Serve un decreto legge". La presidente Antimafia Rosy Bindi parla con il Fatto dopo l' ufficio di presidenza della commissione. E su Vespa aggiunge: "Conta il modo. Quando fece la trasmissione sui Casamonica ne venne fuori un racconto che quasi legittimava quelle persone. Era la versione della famiglia. Riina non è il padre di suo figlio, ma un boss che ha ucciso decine di persone".

Cattolica Assicurazioni è il quarto gruppo assicurativo italiano. Il suo storico presidente, Paolo Bedoni, in sella da 10 anni, navigato esperto del settore e del territorio, parla con il Giornale alla vigilia dell' assemblea dei soci di sabato prossimo e del 2015 chiuso con 61 milioni di utile netto. "È un segnale molto positivo. Di efficienza e di solidità. Quello del 2015, al netto delle svalutazioni bancarie e fiscalità, sarebbe stato di 161 milioni, il miglior risultato di sempre per la compagnia". Per quest' anno "abbiamo fatto tutte svalutazioni necessarie e possiamo guardare al 2016 senza avere più pesi. Così siamo in condizione di proporre una cedola di 35 centesimi agli azionisti. Ed è importante capire che presentiamo un margine di solvibilità (Solvency 1) pari a 189 che è circa il doppio dei requisiti richiesti".

Una task force andrà in tutte le Asl italiane a controllare se applicano le norme anticorruzione. Il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin con La Repubblica annuncia il suo insediamento per la prossima settimana. "Quella contro il malaffare in sanità è una mia battaglia da sempre"."È uno dei pochi ambiti del bilancio dello Stato nel quale c' è tanto denaro e tanta cassa: 112 miliardi di euro di fondo nazionale più la spesa farmaceutica "out of pocket" a carico dei cittadini, e inoltre i vari finanziamenti alla ricerca. È quindi un settore con una massa di denaro esposto ad alto rischio di corruzione e mala gestione. Ma è anche un ambito che riguarda la vita e la morte delle persone, che in questi anni è stato sottoposto a grande stress economico. Se la corruzione è odiosa sempre, in sanità è una cosa per la quale non ci sono parole. Perché si privano di fondi strutture che curano le persone, le salvano dalla morte".

"Non c' è dubbio che le pensioni minime in Italia sono troppo basse. È un problema che prima o poi dobbiamo affrontare, assieme alla flessibilità in uscita, alla questione di genere, con le pensionate svantaggiate rispetto ai pensionati, alla ricongiunzione troppo onerosa, agli ultimi 24 mila esodati da salvaguardare. Ma con una convinzione di fondo: la riforma Fornero va difesa. Gli aggiustamenti sono possibili, ma l' impianto resta quello". Pierpaolo Baretta, sottosegretario all'Economia,con 'La Repubblica' ammette di non aver avuto avvisaglie dell'annuncio del premier Renzi. E sugli 80 euro ai pensionati dice: "Non ci sono ancora date, né abbiamo individuato soluzioni tecniche". I critici la definiscono una trovata elettorale. Lei? "Una questione giusta. Troppi pensionati sono sotto la soglia di accettabilità".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza