cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 00:07
Temi caldi

Rcs, c'è la regia di Gaetano Micciché dietro l'offerta di Cairo

16 luglio 2016 | 12.35
LETTURA: 2 minuti

alternate text

C'è la regia di Gaetano Micciché, direttore generale di Intesa Sanpaolo e presidente Banca Imi, dietro il successo dell'Offerta pubblica di scambio di Urbano Cairo su Rcs. Un'ops in solitaria costruita da Intesa e accompagnata passo per passo dal lavoro di advisor di Banca Imi, la controllata del gruppo guidata da Micciché, re Mida dell'operazione che di fatto avrebbe pensato all’offerta carta-contro-carta dell'editore di la7, senza un solo euro cash.

Classe 1950, banchiere di razza, Micciché ha la finanza nel sangue: nato nella Palermo bene da una famiglia borghese aperta e agita, il padre era un alto dirigente del Banco di Sicilia. Versatile, convinto sostenitore del lavoro di squadra, Micciché negli anni 70 inizia la carriera in banca in Sicilia, ma dopo l’Mba in Bocconi nel 1984 lascia il mondo del credito per entrare in quello dell’impresa, chiamato a risanare gruppi industriali in crisi attraverso la gestione e la riorganizzazione di stabilimenti e sedi in Italia e all’estero.

E' il 2002 l'anno del grande ritorno in banca, come banchiere d’affari alquanto 'sui generis' che unisce una profonda conoscenza dei mercati finanziari, degli strumenti e delle dinamiche bancarie all'esperienza nel mondo imprenditoriale e un fitto network di relazioni e conoscenze professionali. E' questo l'anno in cui entra in Banca Intesa dove, come responsabile del Merchant Banking, ha ricoperto incarichi di crescente responsabilità fino alla nomina nel 2010 a Direttore Generale del gruppo, di cui da maggio 2013 è anche membro del Consiglio di Gestione.

Cavaliere del Lavoro dal 2013, aggregatore tra industria e credito, il presidente di banca Imi è anche consigliere di amministrazione in Alitalia, Prada, consigliere all'Abi, oltre che membro del comitato scientifico del Politecnico di Milano.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza