cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 18:58
Temi caldi

Reato di tortura, legge a un passo

26 giugno 2017 | 07.03
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(FOTOGRAMMA) - (FOTOGRAMMA)

La parola passa oggi ai deputati: saranno loro a dover esprimere il loro parere sulla legge che introduce nel codice penale italiano il reato di tortura. Una norma, presentata nel 2013, che torna alla Camera in quarta lettura dopo un passaggio al Senato, che ha visto non poche polemiche, con il primo firmatario della legge, il senatore Manconi del Pd, che non ha partecipato al voto di Palazzo Madama, ritenendola stravolta dagli emendamenti passati.

Parla di "testo equilibrato che entro giugno potrebbe avere il via libera definitivo" la deputata del Pd Donatella Ferranti, presidente della Commissione Giustizia della Camera. Che all'AdnKronos sottolinea come "le osservazioni critiche siano superabili, partendo da una lettura attenta e sistematica del testo". Per Ferranti, "bisogna avere di mira il risultato, la possibilità di aver finalmente questa legge, che sembra alla portata, dopo tanti anni".

"Un testo migliore ci può sempre essere - aggiunge - come per tutte le riforme, ma questa, nell'insieme, è una legge che tiene presenti i principi delle varie convenzioni internazionali".

Alla vigilia della discussione anche tra chi è contrario alla legge come è stata modulata si ritiene ormai probabile il via libera. "Temo che verrà approvata così come è", dice all'AdnKronos Luigi Manconi. A non piacere al presidente della commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato, l'emendamento per il quale il reato non sussiste "nel caso di sofferenze risultanti unicamente dall'esecuzione di legittime misure privative o limitative di diritti".

Nel mirino anche la sostituzione del requisito delle violenze "reiterate", che hanno lasciato il posto all'espressione "più condotte", che rischierebbe di far sì che il singolo atto di violenza possa non essere punito.

Per Felice Casson, senatore Mdp, tra quelli che non hanno approvato le modifiche del Senato si rischia "qualora dovesse passare la legge con questa formulazione" addirittura di "avere episodi chiari di tortura che non verranno mai puniti". Contrari Sinistra Italiana e anche la Lega Nord, per ragioni opposte, mentre il M5s ha fatto sapere che darà il via libera alla legge.

La legge introduce due nuovi articoli nel codice penale (il 613 bis e il 613 ter), l’articolo 191 del codice di procedura penale e l’articolo del T.U. sull’immigrazione. La tortura, viene messo nero su bianco, è la condotta di chi agisce con "violenze o minacce gravi, ovvero agendo con crudeltà, cagiona acute sofferenze fisiche o un verificabile trauma psichico".

Tra le norme principali previste "la pena è da 4 a 10 anni, aumentata da 5 a 12 se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale"; inoltre "la pena è aumentata fino alla metà se dal fatto deriva una lesione grave o gravissima" e "se ne deriva la morte la pena è aumentata a trenta anni". Infine, l'istigazione da parte del pubblico ufficiale a commettere "atti di tortura" è punita con la pena da sei mesi a tre anni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza